lunedì 23 dicembre 2013

La sottile linea rossa (John Kleeves)

Analisi del contenuto ideologico-propagandistico del film The Thin Red Line ( La sottile linea rossa. Ogni uomo combatte la sua guerra, 1999 ), regia di Terence Malick. Il film, ricavato dall’omonimo romanzo di James Jones, è stato dichiarato come prodotto dai signori Michael Geisler, John Roberdeau e Grant Hill ed è stato distribuito dalla 20th Century Fox. Nei cartelloni sono presentati con pari rilievo gli attori seguenti, nell’ordine : Sean Penn, Adrien Brody, Jim Caviezel, Ben Chaplin, George Clooney, John Cusak, Woody Harrelson, Elias Koteas, Nick Nolte, John C. Reilly. Sembrerebbe un ordine alfabetico cui si sarebbe sottratto il solo Penn. La visione del film in Italia mostra che i maggiori protagonisti sono Jim Caviezel e Nick Nolte. George Clooney fa una unica comparsata finale di 6 secondi e poco di più fanno gli altri sopra nominati ad eccezione di Sean Penn e Elias Koteas. Non è invece citato nei cartelloni John Travolta, che tiene lo schermo in tre minuti iniziali impersonando un ufficiale americano. Riduco all’estremo la mia solita premessa : nei film di Hollywood io cerco la propaganda intenzionale che vi inserisce l’USIA, United States Information Agency, l’ente federale istituito nel 1953 al fine di creare all’estero una ben precisa e falsa immagine degli Stati Uniti, per agevolare le politiche estere della Nazione. Hollywood infatti è controllata completamente dall’USIA.
La cosa assume immediata verosimiglianza se si pensa che gli Stati Uniti non sono e non sono mai stati una democrazia : sono da sempre ciò che può essere chiamato una dittatura dell’imprenditoriato. Confido che il lettore sia al corrente delle mie rivelazioni su Hollywood, ed eventualmente lo rimando al mio libro “ I Divi di Stato “, Il Settimo Sigillo, Roma 1999.

Lo strano regista

Mi ha dato molto da pensare la figura del regista Terence Malick. Nato a Waco, Texas, nel 1945, è un laureato in filosofia, materia che ha insegnato al MIT ; ha tradotto negli USA opere di Heidegger ed è autore di saggi sull’arte. Prima di questo film aveva realizzato un lungometraggio ( Lanton Mills ) nell’ambito della sua frequentazione universitaria dell’American Film Institute, e poi diretto solo due film, Badlands ( La rabbia giovane ) nel 1973 con Martin Sheen e Sissy Spacek, da lui stesso prodotto con scarsi mezzi per la Columbia, e Days of Heaven ( I giorni del cielo ) nel 1978 con Richard Gere, prodotto dalla Paramount con basso budget ( allora M. Sheen e Gere costavano poco ). Due film abbastanza buoni ma non dei successi. In sostanza Malick come regista è stato fermo per vent’anni e poi di punto in bianco ha diretto un kolossal come questo, con tante star e tanti mezzi del Pentagono. Come è possibile ? Avanzo una ipotesi. Nell’ultimo decennio l’USIA ha mostrato la tendenza a “ commissionare “ direttamente certi film a Hollywood : ha dei temi propagandistici precisi che le preme proporre e obbliga Hollywood a fornirne il film-contenitore. Si ottengono così dei prodotti filmici che coniugano perfettamente le esigenze di spettacolo con quelle di propaganda, altamente complessi eppure coerenti, con evocazioni subliminali multiple, riferite a più eventi, epoche e personaggi, e con richiami politici, storici e sociali che si incrociano da un capo all’altro della pellicola. Un buon esempio di film del genere è Forrest Gump, specificatamente dedicato ad una riabilitazione subliminale di tutti gli anni Sessanta e Settanta americani e contenente una rievocazione criptica della vicenda di Jean Seberg che ha solo uno scopo propagandistico e che spazia per tutta l’opera senza alterarne minimamente l’equilibrio. Orbene per tali operazioni occorrono registi adatti ; devono essere non solo abili appunto come registi, per garantire successo di pubblico all’opera, ma anche esperti di propaganda con tutto ciò che ne consegue : possedere cognizioni di psicologia, sociologia, antropologia e così via. Devono essere cioè anche degli intellettuali veri e propri, e di un tipo abbastanza preciso, che chiamerei umanistico-pratico. Ecco, mi pare che Malick sia stato ripescato dall’USIA in questa ottica. Non che elementi del genere siano introvabili a Hollywood, e basti citare Zemeckis e Zwick, per non parlare del grande Spielberg. Ma non sono poi così tanti e il lavoro urge. Sempre che sia stato “ ripescato “. Rimane infatti da spiegare “ ... l’assenza, un po’ misteriosa, del regista dai set per vent’anni “, come dice il critico Pino Farinotti ( “ Dizionario di tutti i film. L’unico completo “, Mondadori 1999, pag. 1436 ). Dove, su che cosa e per chi ha lavorato Malick in quegli anni ? Io so solo che l’USIA impiega schiere di funzionari di alto livello intellettuale come addetti allo studio e alla “ correzione “ dei copioni sottoposti da Hollywood.

Con Hollywood non abbiamo film, ma versioni di film

Prima di proseguire è bene - specie per questo film - fare una osservazione. Non tutti i film di Hollywood sono realizzati avendo in mente una sceneggiatura univoca e girando così le sole scene necessarie. Spesso sono girate scene e interi episodi con una sovrabbondanza mirata, in modo che il montaggio possa far sortire due, tre e anche quattro o più versioni del film, diverse o per qualche episodio o per l’inizio o per il finale. Ci sono molti casi documentati del genere e ricorderò solo Apocalypse Now di Francis Ford Coppola, del quale sono stati girati sul momento tre finali diversi ( di questo film è stata presentata all’ultimo Festival di Cannes una versione 50 minuti più lunga di quelle uscite nel 1979 : contiene tre episodi girati allora e mai mostrati ; non so quale finale gli sia stato attaccato ). Ciò capita soprattutto per i film ad alto contenuto propagandistico ed il motivo è di far pervenire ad ogni Paese o area estera la versione più adatta. Ad esempio, sempre con Apocalypse Now, in Europa esso finisce con il cap. Willard ( M.Sheen ) che ordina il bombardamento del folle col. Kurtz ( M.Brando ), ma in America Latina lo lascia indisturbato e nel Sud Est asiatico prende il suo posto.

The thin red line
(La sottile linea rossa, 1999)
di Terrence Malick

Tratto dall'omonimo romanzo
di James Jones

Prodotto da M.Geisler, J.Roberdeau e G.Hill per 20th Century Fox

con Sean Penn, Adrien Brody, Jim Caviezel, Ben Chaplin, George Clooney, John Cusak, Woody Harrelson, Elias Koteas, Nick Nolte, John C. Reilly

Ora, tornando a noi, siamo informati qui in Italia che non pochi attori - Mickey Rourke, Martin Sheen, Lucas Haas, Bill Pullman, Jason Patric, Viggo Mortensen e altri - hanno girato delle scene per La sottile linea rossa, che però non sono state utilizzate. Ma, così per tutti o solo per l’Italia, o l’Europa ? Non lo sappiamo. Così come non sappiamo se nella versione del film distribuita diciamo in Brasile è ancora presente la scena con Clooney, o con Travolta. Occorre quindi tenere in mente che con ogni probabilità stiamo analizzando non il vero film The Thin Red Line, che con ogni probabilità non esiste neanche, così come non esiste il vero Apocalypse Now e tantissimi altri, ma solo la sua VERSIONE PER L’ITALIA, o se va bene solo la sua VERSIONE PER L’EUROPA. Ciò per le immagini, mentre vale sempre la questione del DOPPIAGGIO : per i film di Hollywood la versione nelle varie lingue locali in genere contiene delle differenze rispetto all’originale, in genere a scopo di propaganda politica o culturale. L’ultimo esempio viene dal “ Pearl Harbor “ della Disney ( un tipico film di propaganda ), uscito recentemente : nella versione distribuita in Giappone sono state tolte alcune scene ed è stata modificata la traduzione di almeno una battuta ( anziché “ dirty jap “, solo “ jap “ ; “ dirty “ vuol dire “ sporco “ mentre lo slang spregiativo “ jap “ normalmente in Italia è doppiato con “ muso giallo “. Il Resto del Carlino 26/5/2001 ). Poco male comunque, perché i giapponesi si fanno un punto d’onore di non andare a vedere film americani, anche se quelli in alcuni casi ( non in tutti infatti ) si ostinano a doppiarli e a proporli. In ogni caso, nel film vorrebbe essere trattato un episodio della battaglia di Guadalcanal, della Seconda Guerra Mondiale. Si combatte sull’isola contro i giapponesi e nel novembre del 1942 un battaglione dell’Army ( l’Esercito ) dà il cambio ai Marines ( che sono un Corpo a parte ) nel tentativo di prendere un campo di aviazione nemico, operazione per cui occorre guadagnare prima una collina difesa. Il film tratta appunto della tribolata conquista di questa collina. Come dice il sottotitolo sono seguiti i comportamenti di vari soldati sotto il profilo psicologico, i loro pensieri e le loro reazioni alla terribile situazione. E’ un’opera corale, senza un protagonista preciso. Una voce fuori campo rivela i sentimenti del soldato Witt ( Jim Caviezel ), che riflettono il suo stupore per l’insensatezza della guerra e si interrogano sui motivi del sempiterno Male nel mondo. Voce efficace, sullo sfondo di una natura di struggente bellezza. Alla fine Witt muore.

La propaganda
Non ci sono dubbi che si tratti di un film con contenuti propagandistici statali americani. La dimostrazione oggettiva - oltre all’analisi del contenuto ideologico che segue - è data dalla presenza nel film di numerosi e importanti mezzi militari originali americani della Seconda Guerra Mondiale : zatteroni da sbarco Higgins, alcune navi da guerra ed una bella nave da sbarco LST ( Landing Ship Tank ) evidentemente rimessa a nuovo nella sua parte frontale apribile per l’occasione. Ciò oltre alla dovizia di armi individuali autentiche, come i fucili Garand M1 americani e Arisaka mod.1905 giapponesi. Mezzi del genere sono disponibili solo nei depositi del Pentagono e questi ne concede l’uso non in base a tariffe, ma solo in base all’autorizzazione dell’USIA. Il primo elemento di propaganda in un film di propaganda è costituito dal soggetto. Qui il soggetto è un’azione bellica americana nel corso della Seconda Guerra Mondiale. L’azione è conclusa vittoriosamente. Hollywood-USIA insiste sull’argomento, come fatto solo un paio di anni fa con Salvate il soldato Ryan. Se ci pensiamo solo la filmografia americana va a rivangare il soggetto anche adesso, a più di mezzo secolo. Perché ? Perché il soggetto si presta a convogliare dei MESSAGGI SUBLIMINALI DI SINTESI ritenuti utili per i nostri anni. Li vedremo alla fine.

Inoltre questi film di Hollywood che trattano di azioni americane nella Seconda Guerra Mondiale hanno di per sé un effetto-massa distorcente, e comodo per gli Stati Uniti. Su questa guerra, al cinema e quindi in televisione, vediamo come protagonisti solo i soldati americani e pare che in proposito abbiano fatto tutto loro, compreso naturalmente vincere in modo schiacciante. Non è così e le cifre parlano : gli USA ebbero 270.000 caduti in battaglia, numero insignificante per l’evento. Il motivo è appunto che in quella guerra gli USA furono ben lontani dal fare tutto loro. Il grande scontro era contro la Germania ed essi vi si sottrassero, perché giudicarono di non essere in grado, e lasciarono l’onere alla Russia. La quale ebbe in effetti alcuni milioni di caduti in battaglia, come del resto i tedeschi. Ma la quale anche vinse la guerra in Europa. Il decantato sbarco in Normandia ( quello del soldato Ryan ) avvenne a cose fatte e servì per rattoppare la situazione, per raccogliere le briciole. Per quanto riguarda il fronte del Pacifico si vedrà appresso di cosa si trattò, più o meno, e anche qui nonostante i peana di Hollywood non ci fu una vittoria completa : fu battuto il Giappone ma non fu presa la Cina, che era il vero obiettivo. Quindi, all’ultimo, gli USA la Seconda Guerra Mondiale neanche la vinsero. Solo Hollywood l’ha stracombattuta e stravinta.

Hollywood dirà che un soggetto di azioni belliche è molto adatto per descrivere gli stati d’animo umani in situazioni estreme, proprio come nel film all’oggetto. Sì, e mi dispiace che Hollywood si appropri di qualcosa che non le appartiene. Lasciatemi riportare il brano di una lettera scritta da un ufficiale della XXIV divisione corazzata tedesca a proposito della battaglia di Stalingrado. E’ bene ricordarselo nel mentre che si assiste a un film di Hollywood che vuole proporre le tribolazioni dei suoi soldati americani : “ Abbiamo combattuto per quindici giorni per un solo edificio, con mortai, bombe a mano, mitragliatrici e baionette... Il fronte è un corridoio fra due stanze bruciate, oppure un soffitto sottile fra due piani. I rifornimenti arrivano dalle case vicine per le uscite antincendio e i comignoli. Si combatte ininterrottamente, dal mattino alla sera. Da un piano all’altro, con le facce nere di sudore impastato a polvere, ci si batte a bombe a mano in mezzo a esplosioni, nuvole di polvere e di fumo...Chiedete a qualsiasi soldato cosa significhi in una battaglia del genere il combattimento corpo a corpo. E immaginatevi Stalingrado ; ottanta giorni e ottanta notti di corpo a corpo... Stalingrado di giorno è un’enorme nuvola di fumo acre, accecante, è un’immensa fornace illuminata dai riflessi delle fiamme. E quando cala la notte, una di quelle notti brucianti, di urla, di sangue, i cani si gettano nel Volga e nuotano alla disperata sull’altra sponda. La notte di Stalingrado è un incubo per questi animali. Scappano da questo inferno, e nemmeno una tempesta riesce a spegnerlo ; solo gli uomini resistono. “

Se a Stalingrado avessero combattuto gli americani anziché i russi, o i tedeschi, cosa avrebbe mai fatto Hollywood ?

In ogni caso l’argomento del nostro film è la guerra insulare nel Pacifico. Il film non ci dà davvero l’idea di come gli americani condussero al tempo la presa delle varie isole. L’idea ce la dà la battaglia di Okinawa, dal nome dell’isola fra le più meridionali dell’arcipelago giapponese. L’isola, lunga 130 chilometri, aveva una popolazione di circa 500.000 abitanti ed era difesa da una guarnigione composta da 120.000 uomini ; c’erano solo due divisioni organiche, la XXIV e la LXII, ed il resto erano Compagnie di fucilieri e personale non combattente. Scelto il punto di sbarco, ad una latitudine intermedia per tagliare l’isola in due, alla fine del marzo 1945 gli americani cominciarono le operazioni. Sul punto si concentrò una flotta di 1.300 navi, comprendente 18 portaerei, 40 corazzate e 200 incrociatori, che bombardò la zona dal 24 al 31 del mese ; fra gli ordigni di tutti i tipi furono gettati 30.000 proiettili da 400 mm. Il 1° aprile un numero incalcolabile di mezzi da sbarco, fra gli anfibi cingolati Christie, gli zatteroni Higgins e le navi LST, riversò sulla spiaggia 4 divisioni intere di Marines per un totale di 50.000 uomini, cui nel giro di qualche giorno se ne aggiunsero altre 16, con 200.000 effettivi. Non trovarono alcuna resistenza perché i giapponesi nel punto non c’erano mai stati, avendo deciso di affrontarli all’interno. Cominciò comunque, nell’isola, la battaglia. Che dopo tre mesi fu vinta, naturalmente dagli americani vista la spropositata potenza di fuoco, ma sono più illuminanti le conclusioni. Gli americani persero 7.000 uomini. Dei 120.000 soldati giapponesi furono accettati come prigionieri solo 7.400 elementi trovati nelle infermerie gravemente feriti, più i 4.000 dell’ultimo nucleo di resistenza che patteggiò la resa ; gli altri furono tutti uccisi o in combattimento o in numeri maggiori dopo la resa ( nei tre mesi di scontri gli americani non fecero mai prigionieri ). La maggioranza dei 7.400 morì in breve tempo, non essendo curati. Nella popolazione civile fu eseguita una carneficina. Durante i combattimenti morirono 200.000 civili sotto i bombardamenti costieri o nelle stragi di villaggi eseguiti sistematicamente dalla fanteria. Nei giorni seguenti la resa, terrorizzati dai soldati americani, decine di migliaia di civili si nascosero nelle numerose grotte dell’isola, dove gli americani li ricacciarono più dentro coi lanciafiamme sigillando poi gli ingressi con cariche esplosive. Un FAMOSO FILMATO, girato al momento dagli americani, riprese civili che si gettavano dalle alture sul mare andando a sfracellarsi sulle rocce. Molti di voi sicuramente lo hanno visto, perché è inserito in tutti i documentari americani sulla guerra del Pacifico trasmessi dalla televisione italiana. Il commento lo presenta come la testimonianza del fanatismo dei giapponesi, che preferivano la morte alla resa. NON PREFERIVANO LA MORTE : erano inseguiti nelle grotte dai lanciafiamme e non avevano alternative. MA QUELLO E’ IL COMMENTO AMERICANO DEL FILMATO. Al confronto di una falsificazione del genere, di un travisamento così totale, così perfido, direi così diabolico, la famosa foto dei Marines che piantano la bandiera americana sul monte Suribachi di Iwo Jima è un piccolo scherzo di carnevale : sapete infatti che è un falso, che si trattò di uomini messi in posa dall’operatore, con una bandiera più grande, da parata. In ogni caso Okinawa compendia la sostanza della guerra del Pacifico americana in ogni dove : sbarchi di Marines appoggiati da una potenza di fuoco mirabolante ; superiorità anche numerica ; niente prigionieri ; stragi di civili.

Non è questa la sensazione convogliata dal film di Malick. Malick ci dirà di non aver trattato la battaglia di Okinawa, ma quella di Guadalcanal, che ha comportato scontri di terra quasi trascurabili al confronto, e dove non c’erano civili giapponesi. Ci dirà di avere il diritto, lui o la produzione, di scegliere nell’ambito di una vasta guerra l’episodio in cui inserire i suoi personaggi da approfondire. Sì, ma sceglie Guadalcanal. Il fatto era che scegliere Okinawa, o Iwo Jima, avrebbe reso le mistificazioni d’obbligo troppo sfrontate, le omissioni tassative troppo palesi. Ma anche Guadalcanal richiedeva mistificazioni e omissioni : si è appena detto che Okinawa è il paradigma di tutte le azioni del Pacifico, quindi anche di questa. E sono state fatte. Con il termine di “ battaglia di Guadalcanal “ si intende in realtà una serie di quattro grandi battaglie navali combattute nei pressi di questa isoletta delle Salomone lontanissima dal Giappone, 1.000 chilometri a est della Nuova Guinea ; gli scontri di terra furono modesti, ancorché cattivi. Nell’isola c’erano alcune migliaia di indigeni melanesiani e una guarnigione di 2.200 soldati giapponesi, la metà dei quali costantemente in infermeria per via del clima tropicale malsano e della presenza endemica di sanguisughe e insetti, comprese zanzare malariche. Il 7 agosto 1942, preceduti dai bombardamenti di “ ammorbidimento “ di una imponente flotta, sbarcarono due divisioni intere di Marines ( 24.000 uomini ), che rapidamente eliminarono tutti i giapponesi, senza fare prigionieri. Presero possesso di una pista di atterraggio che ribattezzarono Campo Henderson ; la pista era nei pressi di una collina, che sarebbe poco dopo stata chiamata Bloody Ridge ( Cippo della Morte, o Maledetto ). Gli scontri di terra successivi, che durarono sino al 7 febbraio 1943, furono per respingere assalti di soldati giapponesi portati sull’isola dalla loro Marina, la quale appunto per tale scopo ingaggiò le quattro grandi battaglie con le flotte americane. Alla fine i Marines ebbero circa 1.000 morti, mentre i giapponesi ne ebbero 22.000 ; non furono fatti prigionieri tranne qualche ferito grave che fu lasciato morire per conto suo. La popolazione locale fu più che dimezzata dai bombardamenti e da stragi gratuite. L’inquinamento propagandistico è il seguente.

1) Il campo d’aviazione e la collina furono presi subito senza problemi dai Marines il 7 agosto, essendo dopo solo difesi, sia pure con combattimenti attorno alla collina. A parte la difficoltà dell’operazione, esagerata per normali motivi di spettacolo, notiamo che i soldati protagonisti sono presentati nel film come appartenenti all’Esercito, all’Army. Una falsificazione incontrovertibile : solo i Marines operavano sbarchi in territorio ostile nella Seconda Guerra Mondiale ; reparti dell’Esercito potevano essere immessi dopo il consolidamento delle posizioni, dopo settimane o mesi. Il regista se ne rende conto perché addirittura posticipa l’azione al novembre, quando poteva essere ammissibile la presenza di soldati dell’Army a rincalzo ( che comunque a Guadalcanal non furono inviati ). La falsificazione è importante perché i Marines erano tutti dei volontari, e cioè dei mercenari, infatti pagatissimi ; soldati di leva furono impiegati in questo Corpo solo negli ultimi due mesi di guerra, in un numero massimo di 20 per Compagnia. Presentando dunque i suoi personaggi come Marines, come mercenari, il regista avrebbe trovato difficile esporne stati d’animo delicati come quelli di Witt, o momenti di paura e stress come quelli degli altri. Ciò per quanto riguarda l’aspetto filmico del lavoro, potentemente correlato comunque con quello della propaganda. Il regista, presentandoci questi coscritti nella loro umanità, con squarci della loro vita civile, convoglia la nostra simpatia e comprensione umana : non sono certamente dei mostri, ma uomini anche benintenzionati in una situazione difficile. Si giustifica così anche l’uccisione degli arresi, una cognizione negativa per l’immagine statunitense ( ma vedremo solo per certi aspetti ) che soprattutto negli ultimi anni si sta facendo largo nel mondo. La stessa operazione, che evidentemente preme all’USIA, è stata compiuta da Steven Spielberg in Salvate il soldato Ryan.

2) In ogni caso l’uccisione di uomini che si arrendevano è presentata come sporadica, avvenuta nella furia del combattimento e per iniziative dei singoli. Invece i prigionieri venivano fucilati a gruppi di decine, nella maggioranza a combattimenti terminati e in base agli ordini degli ufficiali.

3) Nel film non si vedono le stragi nei melanesiani. Si mostra il loro timore verso gli americani, ma sembra solo il timore di pacifici selvaggi alla vista di uomini che uccidono altri uomini ; alla vista della guerra. E non era timore ; era terrore. Dal film potremmo immaginare che avessero lo stesso atteggiamento verso i giapponesi. Invece non era così, perché non c’erano motivi.

4) Il film pone gli americani in inferiorità numerica, il contrario di come fu sia a Guadalcanal che da tutte le altre parti nel Pacifico ( i giapponesi tenevano solo 1 milione di uomini nel Pacifico, i restanti 5 milioni essendo in Cina ; gli americani ne tenevano nel teatro 1.250.000, che concentravano nei punti di attacco ). Tuttavia vincono, e con un aiuto piuttosto relativo dalla Marina sottocosta ; anzi compiono l’assalto decisivo di baionetta. La scena finale in cui il soldato Witt muore è costruita con intenti subliminali. Rimane solo nella foresta e viene circondato da un cerchio di fanti giapponesi che gomito a gomito gli si stringono attorno col fucile puntato, mentre la voce fuori campo fa alcune considerazioni sulla vita e sulla morte, per suo conto ; accenna un gesto di ribellione e viene ucciso. I giapponesi sono gli indiani dei western ( il cerchio ). Sono molti e sono selvaggi. C’è un altro significato aggiunto. Gli indiani, cioè i giapponesi, non fanno considerazioni filosofiche. L’americano è solo e incompreso nel loro territorio. Lui è l’autocoscienza dell’umanità ed è il Progresso che avanza, implacabile ma incolpevole, portandosi dietro tanti dubbi e dovendo interferire per forza nella Natura e nei popoli inferiori. Non ci sono colpe nella presenza americana nelle isole del Pacifico, in luoghi che non sono i suoi.

Tornando all’inferiorità numerica notiamo che continua la consueta bugia di USIA-Hollywood sul valore delle forze di terra americane. Queste invece, Marines o Army che siano, sono e sono sempre state debolissime ; la Marina e l’Aviazione americane sono molto forti, ma le forze di terra sono così. Ci sono precisi motivi per questo esito e rimando al mio Sacrifici Umani ( Edizioni Il Cerchio, Rimini 1993 ) per la spiegazione a mio avviso scientifica del fatto. Il governo americano non vuole assolutamente che il mondo si accorga di tale debolezza : nelle guerre evita con varie scuse gli scontri di terra ( a meno che non si trovi di fronte un avversario debolissimo ) e fa polverone con l’Aviazione, e per il resto ci pensa l’USIA.

Altre inserzioni di propaganda
Ciò per quanto riguarda la distorsione della specifica battaglia di Guadalcanal. Nello svolgimento della trama ci sono poi delle inserzioni di propaganda di tipo vario.

1) In una scena dello sbarco iniziale compare la prua di una nave LST e di sfuggita si vede sulla fiancata la scritta “ Victory “, forse parte del nome della nave anche se in caratteri piuttosto piccoli. E’ un flash subliminale. Ci dice che arrivano coloro fatalmente destinati a vincere.

2) Durante l’assalto a Bloody Ridge un soldato ha una crisi di panico e non riesce ad avanzare ; il suo capitano ( l’umano cap. Staros - Elias Koteas ) dopo qualche rude esortazione lo fa portare dagli “ ufficiali medici “. Impariamo qui con Malick che il plotone di esecuzione nell’esercito americano si chiama “ ufficiali medici “. Un’altra cosa che l’USIA tiene tenacemente a nascondere circa l’esercito americano è la sua prassi di fucilare o sentenziare immediatamente sul posto gli elementi che si rifiutano di avanzare sotto il fuoco nemico. Lo fanno tutti gli eserciti del mondo ma l’USIA non lo vuole ammettere per il suo: è l’esercito di un paese democratico, le cui guerre sono per forza volute dal popolo, e che quindi sono sempre giuste : non occorrono duri sistemi disciplinari per fare combattere i soldati, ansiosi o convinti che sia doveroso di farlo. Possono capitare crisi di panico, che non sono però mai delle crisi di morale, solo attacchi di una malattia : ergo dagli “ ufficiali medici “. In linea con ciò l’episodio di insubordinazione del medesimo cap. Staros, che rifiuta l’ordine impartitogli dal col. Tall ( Nick Nolte ) di proseguire nell’attacco frontale alla collina ( preferirebbe aggirarla ). La prassi dell’esercito statunitense è di destinare alla corte marziale gli ufficiali colpevoli di insubordinazione sotto azione, con un esito che può andare per casi gravissimi come questo dal carcere militare alla più probabile fucilazione ( che poi viene come al solito comunicata ai familiari e alla stampa quando il caso come “ morte per fuoco amico “ : non è una menzogna, in effetti ). Invece nel film il col. Tall semplicemente rimuove Staros dal comando e siccome nella vita civile era un avvocato lo destina... all’ufficio legale dell’Army, in patria. Perché punirlo infatti ? Per dare l’esempio agli altri titubanti ? Ma l’esercito americano è sovrabbondante di elementi volenterosi di combattere ; si fosse saputo che Staros era un sissy boy del genere ( “ mammoletta “ ) lo si sarebbe destinato subito alle scartoffie, o anche esonerato perché no. Completa il concetto il triste addio di Staros ai suoi soldati : lui deve terminare la ferma in uno squallido ufficio mentre loro beati possono rischiare la vita per la Patria. Il pubblico intuisce che quei soldati mai vorrebbero essere nei suoi panni, mentre lui certamente mai potrà perdonarsi. Il perfido Tall gli ha forse comminato la punizione più crudele.

2) Riferendosi al campo d’aviazione giapponese da prendere il colonnello Tall si chiede “ Chissà cosa dovranno farci [ i giapponesi ] con quello “. Insinua che servisse per far partire bombardieri contro gli Stati Uniti, giustificando l’avanzata americana nel Pacifico. Subito dopo ammette che il possesso di quel campo permetterebbe l’avanzamento dei bombardieri americani, che hanno un “ raggio d’azione di 1.600 chilometri “. Suggerisce che i bombardamenti americani sul Giappone furono una ritorsione per quello che avrebbero voluto fare i giapponesi, o che comunque avrebbero certamente fatto se avessero potuto. Per apprezzare tali insinuazioni, che sono delle valutazioni surrettizie di fatti storici, occorre conoscere la storia. Quella vera. Non posso dilungarmi ma in sintesi : Gli USA - il cui obiettivo finale è sempre stato sin dall’inizio la dominazione del mondo al fine di sfruttarlo - vollero entrare a tutti i costi nell’ultima guerra, che solo così divenne la Seconda Guerra Mondiale, per due sub-obiettivi fondamentali : la Balance of Power in Europa e il Mercato dell’Oriente. L’Equilibrio di Potenza in Europa è sempre servito per bloccare gli europei reciprocamente permettendo a qualche altro mano libera negli sfruttamenti coloniali, ed era in quel momento minacciato dalla Germania, mentre il Giappone stava rivendicando per sé il Mercato dell’Oriente e nel 1937 aveva addirittura occupato la Cina. Il Giappone non voleva a nessun costo una guerra contro gli Stati Uniti ma le provocazioni continue di Roosevelt lo convinsero che gli stessi prima o poi lo avrebbero aggredito e decise di prevenirli con l’attacco a Pearl Harbor, che fu salutato con veri brindisi alla Casa Bianca. Veri brindisi : era dagli anni Venti che gli USA attendevano il momento della resa dei conti col Giappone per la supremazia nel Mercato dell’Oriente : fu per il Giappone che in quegli anni fu stabilita la strategia della Guerra Totale con bombardieri, e fu messa a punto la tecnica di sbarco con Marines ( nel 1921, dal maggiore Ellis ) con i relativi mezzi anfibi, i cingolati e gli zatteroni. Fu attentamente studiato dagli addetti militari dell’Ambasciata americana di Tokio il terribile terremoto che nel 1921 provocò 100.000 morti nella città : furono dovuti all’incendio che si sviluppò dopo e questo fece decidere per lo sviluppo di bombe incendiarie anziché esplosive, che poi furono effettivamente adoperate ( i più tremendi attacchi aerei sulle città giapponesi non furono quelli nucleari ma quelli incendiari : il bombardamento di Tokio del 10 marzo 1945, dove furono gettate 1.665 tonnellate di bombe incendiarie al Napalm M 47 e M 69, provocò 300.000 morti ). Ciò pone in una prospettiva diversa la guerra del Pacifico americana : il Giappone aggredì la Cina e gli USA aggredirono il Giappone solo perché la Cina volevano aggredirla loro. Poi alla fine del conflitto, nonostante avessero battuto il Giappone e sterminato alcuni milioni dei suoi civili, si accorsero che il vero obiettivo, la Cina, era stato mancato. Ma questa è un’altra storia. E’ per tutto ciò che il film “ Pearl Harbor “ della Disney è uno scandalo, un insulto alla verità, una vera presa per il culo di tutto il mondo. Il signor Terence Malick non affronta il tema delle motivazioni della guerra nel Pacifico ma l’atmosfera e le suggestioni del film convogliano nel pubblico l’idea convenzionale : giapponesi aggressori, americani solo si difendono e combattono per la “ Libertà “. E’ l’idea convenzionale appunto perché sempre propagandata dall’USIA attraverso tutti i suoi canali, Hollywood in testa. Dobbiamo anche vedere ciò che nel film avrebbe potuto esserci. Ad esempio l’umano cap. Staros avrebbe potuto fare qualche accenno alle poco pulite motivazioni americane. Clamorose poi le generiche, fumose e inconcludenti elucubrazioni filosofiche di Witt sul male e sulla guerra, presentati come ineluttabili, fatali, dovuti a cause imperscrutabili al di fuori della portata e della volontà umana ; forse dovuti a Dio in persona. Bastava dicesse : Questa guerra c’è perché il bastardino Giappone vuole portare via l’osso Cina al feroce molosso America, ed il grande arcano sarebbe stato risolto, almeno per la situazione in essere. Ma niente del genere. Eppure Malick - un filosofo, un traduttore di Heidegger - dovrebbe sapere quanto ho appena esposto. Lo sa ma deve portare il carro dove vuole il padrone.

3) Il riferimento appena fatto a Dio non era per caso, né sono stato io il primo a tirare in ballo la teologia. Prima dell’assalto il capitano umano prega Dio e dice : “ Fa che io non Ti tradisca. Fa che io non tradisca i miei uomini “. Tradire i suoi uomini nell’attacco, cioè non offrire loro la sua valida guida, sarebbe tradire Dio. Allora Dio sta con gli americani ! Ci mancherebbe. Dio sta da tutt’altra parte. Con gli americani, se esiste, ci sta il Diavolo.

4) Conquistato il campo base dei giapponesi i soldati americani si danno a ripulire le sacche di resistenza gettando bombe a mano in pertugi del terreno. Ciò ci lascia pensare che in quei buchi ci fossero dei soldati giapponesi residui. C’erano certamente a Guadalcanal nidi di giapponesi nel terreno ma la scena mi pare fatta apposta per richiamare la grande topica di Okinawa, dove come detto esplosivi furono gettati sistematicamente negli ingressi delle grotte in cui si erano rifugiati i civili. Mi meraviglio anzi che Malick non abbia fatto comparire dei lanciafiamme ; ma forse ci sono in un’altra versione del film. Ciò servirebbe per suggerire al pubblico che anche per Okinawa si fosse trattato dopotutto di soldati nascosti, o che almeno così gli americani credessero. Il film è esportato anche in Asia, dove il ricordo di Okinawa è più vivo e preciso che in Europa.

5) Dopo il 1953 nei film americani di guerra gli effettivi dei reparti sono sempre presentati con una composizione etnica che riflette quella percentuale nella popolazione : ci sono tot bianchi anglosassoni, tot bianchi caucasici e tot neri, e se c’è posto un giallo, un ispanico e così via. Si tratta di una indicazione dell’USIA, che serve per far credere che la società americana sia equamente multirazziale, dove tutti sono sullo stesso piano, si trovano bene e collaborano quindi nelle sue guerre. Questo film deroga : i tanti protagonisti della corale rappresentazione sono tutti bianchi e non mi pare neanche di aver visto soldati neri sullo sfondo. Non è un caso e secondo me ha due motivazioni, entrambe riconducibili a una inquietante affermazione razzista, evidentemente promossa dall’USIA ( non conta se i protagonisti del romanzo da cui è tratto il film sono tutti bianchi ). La prima è che il film ha per oggetto ( dichiarato ) l’analisi psicologica di veri uomini in una situazione di vero combattimento, veri uomini che nel caso di Witt fanno anche tante e apparentemente intelligenti considerazioni filosofiche : da ciò i neri sono esclusi. La seconda motivazione ha attinenza con i messaggi di sintesi, riportati più avanti. Si dirà che critico l’USIA sia quando mostra i reparti statunitensi multietnici e sia quando li mostra composti solo da bianchi. Critico le sue motivazioni, illecite in entrambi i casi. Mi si chiederà allora come andrebbero veritieramente rappresentati i reparti americani. Ecco fatto : nella reale composizione multietnica, ma dove non c’è affatto né armonia né parità razziale e dove nessuno combatte volentieri, né i neri o le altre minoranze per quanto appena detto e né i bianchi per via del loro individualismo caratteriale ( gli americani si battono solo per i soldi e in guerra non c’è niente da guadagnare ). C’è qualche elemento, sempre di una qualche minoranza, che ha un eccesso di zelo determinato dal desiderio di farsi accettare. Negli eserciti americani combattono solo i professionisti, cioè i mercenari, e anch’essi con i limiti tipici del loro status ( per i soldi si può combattere ma non morire ).

6) Infine il più squallido elemento di propaganda subliminale inserito nell’intero film : la Compagnia dell’Army cui appartengono i nostri umani eroi non è la Compagnia A come Alpha o B come Bravo o D come Delta ; è la Compagnia C, C come Charlie. Il regista si preoccupa che lo capiamo bene : prima si nomina la Compagnia “ C “ ; poi si ricorda ancora la Compagnia “ C “ ; e infine si dice chiaro : la Compagnia “ C, C come Charlie “. Non vi ricorda nulla la Compagnia “ Charlie “ ? E’ la Compagnia che compì la strage di My Lai in Vietnam nel marzo del 1968, quando quegli umani eroi sbarcarono da elicotteri e sterminarono tutti gli abitanti del villaggio, 500 fra donne, bambini e vecchi ( gli uomini erano alla pesca ). Fu l’unico fra i tanti episodi del genere in Vietnam a giungere di dominio pubblico, avendo anche una grande eco all’estero, perché il coscritto Ronald Lee Ridenhour appena terminata la ferma denunciò il fatto ad un parlamentare contrario alla guerra e questi riuscì a far celebrare un processo ( l’unico fra le decine di casi analoghi : il Senatore Bob Kerrey, 57 anni, solo ora è accusato ora di aver compiuto la sua strage di civili, di 21 donne e bambini, quando era tenente in Vietnam ). Che si concluse comunque in questo modo : tutti assolti tranne il tenente Calley, un uomo che operando una mitragliatrice aveva ucciso 62 o 63 di quei civili. Per questo Calley scontò ben 3 ( tre ) anni in un carcere militare ( di minima sicurezza, cioè di massimo comfort ). Ora fa il gioielliere a Columbus, Georgia. Kerrey al tempo ricevette una medaglia di bronzo, perché disse di aver fatto fuori coi suoi uomini 21 Viet Cong. L’aver denominato in quel modo, nel film, la Compagnia dei protagonisti costituisce una riabilitazione surrettizia degli autori della strage di My Lai : il subconscio fa l’associazione e conclude che anche gli autori della strage erano dopotutto solo dei poveri soldati benintenzionati sotto stress. Bravo Malick, sei un benemerito dell’umanità.

I messaggi di sintesi
I MESSAGGI DI SINTESI sono dei concetti convogliati sotto forma di impressioni generali tramite il tono del film, alcuni dialoghi, alcuni particolari. Mirano ad essere recepiti dal subconscio degli spettatori scavalcando il loro stato vigile e cioè la loro capacità di critica ; appartengono quindi al campo della comunicazione subliminale. Sono premeditati, studiati a tavolino. Ho individuato i seguenti :

a) C’è una riabilitazione della condotta di guerra americana nel Pacifico. Le efferatezze furono compiute da soldati normalmente brave persone ma sottoposte a stress e non dettate da una filosofia di guerra precisa. Questa riabilitazione, anche compiuta da Salvate il soldato Ryan per il teatro europeo, a mio parere è stata ritenuta opportuna per i contraccolpi di immagine dovuti alla Guerra del Golfo ed altri episodi precedenti il film, ad esempio a Panama e in Somalia : il pubblico internazionale ha notato la ferocia inaudita di queste azioni ( 300.000 morti in Iraq ; rastrellamenti e fucilazioni in strada in Somalia ; bombardamento del quartiere popolare di El Chorrillo a Panama City, con 2.000 o 4.000 morti, solo a generico scopo punitivo ) ed ha cominciato a riflettere su tanti episodi poco chiari della Seconda Guerra Mondiale. Il coperchio posto sinora dall’USIA sulla vera prassi di guerra americana nell’ultimo conflitto sta cominciando a perdere e Hollywood sottopone al pubblico una nuova ottica, con piccole ammissioni che vorrebbero nascondere la grande verità : Si, abbiamo ucciso prigionieri, o compiuto comunque efferatezze, ma nella foga della battaglia ; allo stesso modo magari ci sarà capitato di uccidere qualche civile. L’USIA non vuole a nessun costo che il mondo realizzi quella che è la filosofia di guerra americana di sempre : accettare il combattimento solo quando in superiorità schiacciante ; fare niente o pochi prigionieri ; fare stragi di civili. Ciò perché così il mondo temerebbe TROPPO gli americani e comincerebbe a isolarli e a prendere provvedimenti.

b) Ma UN PO’ di timore gli USA al mondo lo vogliono infondere. Ricordiamoci in che momento siamo. Il Muro di Berlino è caduto nel 1989. Gli americani pensano che la Russia è alle corde e in attesa che scompaia si preparano al dominio di fatto del mondo intero, per sfruttarlo. Per farsi obbedire dai vari paesi già sin da ora possono minacciare l’intervento armato e la minaccia è più efficace se si instilla nel mondo la cognizione che - MAGARI NON VOLENDO - gli americani quando intervengono fanno sempre carneficine. Il messaggio è : Pensateci bene prima di dire di no all’America.

c) Il mondo va ABITUATO dunque alla VIOLENZA AMERICANA, ci si deve rassegnare. I soliloqui di Witt instillano appunto l’idea che il mondo deve convivere con la violenza, con le guerre e guerricciole, perché il Male è immanente. Non è colpa di nessuno in particolare ; che nessuno si fissi nel dare la colpa all’America, anche se è lei ad uccidere. Messaggio molto sofisticato. Infatti c’è Malick. Il convogliamento di un messaggio del genere non si esaurisce certo con un film. Si tratta di creare con la dovuta gradualità e con la solita molteplicità di mezzi in sinergia fra di loro un’atmosfera nella psiche internazionale, così come fatto ad esempio per la Guerra Fredda o il Consumismo, e come si sta facendo con la Globalizzazione. Ci saranno altri film e naturalmente i prodotti di altri mezzi mediali come i romanzi e la musica.

d) Chiaro tema fra le righe del film è l’avanzata del Progresso : a penetrare in una natura incontaminata e abitata da genti arretrate, respingendo le sue forze ostili e oscurantiste ( i giapponesi-indiani ), non è in realtà l’esercito americano ma il Progresso. Questo è il motivo per cui non ci sono soldati neri nel film : non è un esercito reale ma il Progresso, che è bianco. E’ un tema propagandistico pro America, visto come è trattato. Questo Progresso né dialoga né cerca di convincere ma semplicemente si impone con la forza : è la prassi statunitense nel Terzo Mondo, con le sue sovversioni politiche, le sue minacce, i suoi bombardamenti. Il film ci dice che tale prassi non è condannabile, perché è ineluttabile, connaturata nel modo di camminare della Storia. Il fatto che il soldato Witt circondato da un nugolo di giapponesi non si arrenda sottolinea l’impossibilità di compromessi e di concessioni.

e) Notiamo ulteriormente che gli unici due soldati bianchi non esattamente all’altezza del compito sono il capitano Staros e il fante in crisi di panico : il primo è di origine greca dichiarata e il secondo con tratti latini, forse di origine italiana ( è anche possibile che nelle versioni del film non per l’Italia le sue origini italiane risultino con più chiarezza ). Sarebbe strano che ciò fosse per caso in un film studiato come questo ( di nuovo il romanzo di ispirazione non conta ) e parrebbe allora che si faccia una ulteriore distinzione nell’ambito del Progresso bianco : esso è nella sua essenza anglosassone. Ci troveremmo così anche in presenza di una sintesi di Malick sulla storia dell’Occidente attraverso la composizione del manipolo, che sarebbe una allegoria del suo prodotto finale : prima i Greci, poi i Romani, ed ora gli Anglosassoni, che inglobano i resti dei due precedenti in posizione subordinata. Messaggio molto sofisticato anche questo.

In conclusione
 In conclusione, La sottile linea rossa è un film di propaganda congegnato con molta intellettualità e realizzato con padronanza delle tecniche subliminali. Non è stato facile decodificarlo. Per quanto riguarda la validità filmica dell’opera non sono un esperto. Come semplice spettatore posso dire che si tratta di un film lungo ( due ore e mezza ) e globalmente noioso. Si possono apprezzare i paesaggi : grandiosa la collina con l’erba alta e fitta mossa dal vento, un’inquadratura ripetuta due o tre volte che mi sembra copiata da Van Gogh ( fra le altre cose Malick è un esperto d’arte ). C’è una grande cura dei dettagli : ogni mezzo e ogni arma, comprese quelle leggere giapponesi, sono originali. A mio avviso è particolarmente buona, dal punto di vista filmico, la scena dell’attacco finale al campo base giapponese. Ma all’ultimo si tratta sempre di un prodotto di propaganda, di un manifesto pubblicitario come un altro, di carta straccia. Da buttare nella mondezza, come tutti indistintamente i film di Hollywood prodotti dopo il 1953.

Nessun commento:

Posta un commento