lunedì 27 luglio 2020

Intervista al maestro Jean Thiriart / Domanda 1

Jean Thiriart, intervista, geopolitica, europa, europa nazione, nazional comunismo, comunitarismo
Queste domande sono state sottoposte a Jean Thiriart il 21 gennaio 1987 da un gruppo di giornalisti americani della rivista “The Plain Truth” guidati da Gene H. Hogberg. Prima effettuarono un’intervista televisiva che fu poi precisata con le risposte che vi presentiamo.

DOMANDA 1

Sin dai tuoi primi scritti negli anni '60, hai studiato le opere dei grandi pensatori geopolitici del passato, uomini come Sir Halford Mackinder, il professor Nicholas Spykman e il generale Karl Haushofer. In che modo le loro teorie hanno influenzato il tuo pensiero?


RISPOSTA


Le radici della geopolitica risalgono a molto prima dei tempi di Mackinder, Spykman e Haushofer. Per alcuni, la geopolitica è iniziata con Dietrich von Bulow, mentre per altri questa era solo una fase del suo sviluppo. Nel 1799 Von Bulow pubblicò Der Geist Des Neueren Kriegssystems [Lo spirito della guerra moderna], esso si era pienamente reso conto che a causa del moderno sistema militare (l'apparizione improvvisa del nuovo stile di guerra introdotto dai massicci eserciti rivoluzionari della Prima Repubblica francese ) l'età dei piccoli Stati era finita. Nel suo libro descrive logicamente ciò che l'Europa diverrà, in effetti, dal 1871 in poi, in particolare che sia l'Italia che la Germania sarebbero stati paesi unificati. (Nel 1799 molti avevano sorriso o riso a un simile concetto.)

Tra i pensatori della scuola geopolitica, dobbiamo anche citare Friedrich List. Nel 1841 List (1789-1846) pubblicò il suo libro Systeme National d'Economie Politique [Sistema nazionale di economia politica], conosciuto in tutto il mondo. Ciò che molti non sanno è che nel 1827, negli Stati Uniti, aveva pubblicato un altro libro: Elements de I'Economie Politique Americaine [Outlines of American Political Economy]. List visse negli Stati Uniti e divenne cittadino americano. Per volere di Andrew Jackson fu nominato console in Germania, dove prestò servizio dal 1832 al 1845. List aveva sofferto profondamente e personalmente a causa della divisione e della miseria politica della Germania che aveva conosciuto durante la sua giovinezza. Fino alla sua morte è rimasto un tedesco nel cuore, sia in modo appassionato che realistico. La potenza viene prima della ricchezza. In effetti, la ricchezza è inutile senza l'unità e la potenza della nazione. La capacità di una nazione di fare la guerra si misura in base alla sua capacità di produrre ricchezza. Voleva una Germania più grande, una Germania che assorbisse Danimarca, Olanda e Belgio. Come individuo, ho messo in pratica le teorie di List. Durante la guerra del 1940-45 fui membro dell'organizzazione "The Friends Of The Great German Reich" (AGRA). List voleva vedere l'Inghilterra non più in grado di stabilire la legge nel Mediterraneo. Ha annunciato l'eventuale caduta dell'Inghilterra e l'avvento della supremazia americana – con un buon secolo di anticipo. List era anche il padre spirituale del progetto ferroviario da Berlino a Baghdad.

Il pensiero di List si concretizzò parzialmente intorno al 1880, sotto la guida di Bismarck. Ci sono alcune belle pagine su List in Makers Of Modem Strategy, di Edward Mead Earle, pubblicato dalla Princeton University Press, nel 1943. La geopolitica è una scienza facile per la persona che appartiene a una scuola di pensiero razionale. Tutto è rivelato nelle mappe. Basta leggere mappe "fisiche": montagne, deserti, ampi fiumi, climi, mari; mari, in particolare! Per me è incongruo, inconcepibile che si possa scrivere un libro di storia senza illustrarlo copiosamente con le mappe. Tuttavia, questo è esattamente ciò che fanno il 95, se non il 98 percento, degli autori, dimostrando così la loro mancanza di completezza e di un approccio serio.


Il caso mi ha fatto nascere belga, in un piccolo paese. Ho sofferto profondamente per questo sin dalla mia adolescenza. All'età di diciotto anni ero già alla ricerca di un paese grande per un grande paese. La Germania esercitò un grande fascino romantico su di me in quel momento. I Thiriart sono persone provenienti dalle aree situate nel triangolo formato da Maestricht (Olanda), Liegi (Belgio) e Aquisgrana (Germania). Il ramo più noto è quello di Mutzhagen (Appendice 1 presto online ndr). Ricordo che anche Carlo Martello e Carlo Magno nacquero in quella regione. Carlo Magno disse di essere "un tedesco della nazione franca". Quindi, questa deviazione mi ha condotto ai concetti scientifici di geopolitica attraverso i percorsi romantici della mia adolescenza. Tuttavia, meglio di chiunque altro, dal 1960 al 1968, scrissi importanti documenti per dimostrare che era il nazionalismo tedesco a impedire la nascita di un'Europa unita tra luglio 1940 e maggio 1941.


Oggi sono uno degli oppositori più risoluti di ogni tipo di "riunificazione tedesca" proposta al di fuori dei legami controllati dallo Stato di una nazione europea. Il titolo del mio libro tedesco Das Vierte Reich: Europa [Il Quarto Reich: Europa] simboleggia accuratamente il mio pensiero: non ci sarà mai un altro Reich tedesco. Il Quarto Reich (Das Vierte Reich) questa volta sarà l'intera Europa. Se avessi tempo, scriverei una critica piuttosto severa ai pensieri di Haushofer. Haushofer era un autore che voleva mescolare una scienza e una passione, la passione tedesca. Questo è antinomico; contraddittorio. Una scienza per definizione è universale. È fatto da tutti e per tutti. E lo stesso vale per astronomia, balistica, ottica, medicina, optometria, fisica e chimica. Queste discipline intellettuali appartengono tutte all'intera razza umana; non c'è posto in essi per nessun nazionalismo (idiota).


La geopolitica scientifica dovrebbe essere in grado di essere compresa - e soprattutto di essere usata - ugualmente bene dai leader di Pechino, Mosca e Washington - e domani dai leader di Bruxelles. È un tipo di logica che influenza profondamente i campi militare, economico, politico e persino sociale. Haushofer non capiva affatto l'importanza del Mediterraneo. Eppure il Mediterraneo è la pancia dell'Europa. L'Europa di Haushofer è solo l'Europa centrale, Mitteleuropa. Il secondo capitolo del libro di Haushofer è intitolato The Continental Bloc Of Central Europe - Eurasia - Japan. Haushofer rivela un pregiudizio di pensiero nel guardare in basso verso la gente dell'Europa meridionale. Scrive:

"Se questa razza meridionale, gli italiani ... oltrepassa i suoi confini e spinge a nord, sarà successivamente costretta a ritirarsi."



A volte Haushofer ha scritto cose stupide come quelle che troviamo nel pensiero arcaico di de Gaulle. Prevede una "Confederazione" europea in cui ogni membro mantenga la propria lingua (sic). Non vuole uno "stupro di anime". Come si può chiamare studio scientifico uno studio che parla di l'anima (sic) di un popolo? Tuttavia, anche se i concetti di Haushofer non possono essere utilizzati dai sostenitori dell'Impero europeo (impero euro-sovietico), è prezioso come fonte. Ha individuato l'errore di Guglielmo II, ripetuto da Hitler: un vacillamento, un'esitazione, tra una politica marittima e una continentale. Nel suo libro, Haushofer descrive la nascita della scuola di geopolitica sovietica. A quel tempo la rivista Novy Vostok [The New Orient] era stata pubblicata dall'Università Sun-Yat-Sen di Mosca, sotto la guida di Karl Radek. Quello che traggo principalmente da Haushofer è la massima dei capi militari durante la nascita della Repubblica Romana: "Fas est ab hoste doceri", che significa "È un sacro dovere lasciarsi insegnare dal nemico".

Un altro autore, poco conosciuto ma degno di nota in geopolitica, è Anton Zischka, nato a Vienna nel 1904. Nel 1952 ha pubblicato il suo libro, Afrika, Europas Gemischftaufgabe Tummer [Africa, Complemento dell'Europa]. Nel 1952, l'Africa era ancora totalmente controllata da belgi, francesi e portoghesi. Nel 1952, l'Europa dell'Est era già persa per noi. Nel suo libro, Zischka suggerisce una specie di impero nord-sud, da Stoccolma a Johannesburg. Dieci anni dopo, l'idea non sarebbe più valida. Un altro geopolitico, probabilmente non noto al pubblico americano, è il generale Jordis von Lohausen, uno dei miei amici. Ha molto elogiato i miei concetti europei nei suoi titoli. Nel 1981 il generale von Lohausen pubblicò il suo brillante volume Mut zur Macht - Denken in Kontinenten [The Courage To Power - Thinking On A Continental Scale], a cura dell'editore Kurt Vowinckel. Vowinckel era anche un amico intimo e l'editore di Haushofer. Il libro del generale von Lohausen è stato tradotto in francese da Madame Elfriede Popelier, che ha lavorato nel mio ufficio politico per molti anni.

Mi piacciono particolarmente le massime latine. Il Generale ne cita una estremamente scelta: “Ducunt fata volentem, nolentem trahunt;” che significa: “Il fato conduce colui che vuole lasciarsi guidare, trascina colui che non vuole”; Oswald Spengler lo aveva già usato. Von Lohausen è un discepolo di Haushofer, di cui era uno studente. Rimane molto tedesco - come Haushofer, ma ho avuto l'onore di influenzarlo in qualche modo, intellettualmente, con il mio lavoro del 1964. In parte, il generale è stato influenzato da me. Personalmente sono stato influenzato da Ortega y Gasset, il geniale liberale spagnolo (durante la guerra del 1940-45, avrebbe dovuto scrivere nella recensione degli studenti universitari delle SS - la rivista Jeune Europe, pubblicata a Berlino in più di 10 lingue). Ecco cosa scrive von Lohausen, influenzato dai miei stessi pensieri (che a loro volta erano stati influenzati da Ortega y Gasset): "Una nazione non è necessariamente un'unità di lingua, origine o cittadinanza. Ovviamente può essere tutto questo, ma prima di tutto, è un'unità di volontà." È essenzialmente la "nazione come entità politica", come è stata la grande Repubblica Romana per cominciare. Più tardi questa è stata il pensiero di Sieyes, e poi il mio.

Il generale von Lohausen parla dell'“unità del continente da Madrid a Vladivostok". Cinquant'anni fa, il comunista nazionale Niekisch scrisse sul "grande spazio Vlissingen-Vladivostok". Niekisch terminò i suoi giorni come deputato nella Germania orientale (DDR). Per molti anni fu incarcerato in uno dei campi di concentramento di Hitler. Ad ogni modo, molti dei suoi vecchi amici che erano andati alla SA o alle SS furono in grado di salvargli la vita.

Innanzitutto, il lettore americano dovrebbe essere consapevole dell'unità del pensiero di quattro geopolitici: Haushofer, Niekisch, von Lohausen e io stesso, Thiriart: L'Unione Sovietica è una parte intrinseca del nostro concetto territoriale. È un'Europa "eurasiatica", un'Europa molto grande, la Nuova Roma. L'Europa eurasiatica, al contrario della Piccola Europa che, nei termini di von Lohausen, è chiamata Europa "franca". Ho allegato alla mia lettera "Karte 5", che mostra il West-Franken-Reich e l'Ost-Franken-Reich intorno all'850, dopo la morte di Carlo Magno. Sono convinto che da un punto di vista strettamente scientifico tutti gli insegnanti di geopolitica americani siano tenuti ad accettare questo concetto di "da Vladivostok a Dublino" (o piuttosto "a Reykjavik"). Nel 1961 avevo già escluso il concetto di Europa contro l'Unione Sovietica. Ora un'Europa senza l'Unione Sovietica è esclusa dal mio pensiero. La geografia lo impone. Dal libro di von Lohausen, cito il seguente passaggio estremamente importante: "Per la Russia, ci sono quattro possibili Europa: un'Europa ostile, un'Europa soggiogata, un'Europa devastata e un'Europa alleata (associata) di comune accordo. Un'Europa indipendente, alleata di comune accordo con il suo vicino, è l'unica Europa che conta: per i russi, solo un'Europa del genere rinuncia alla necessità di una presenza militare o di natura di supervisione o per saldarla insieme. Solo un'Europa del genere è un tutto vincitore."

Il Cremlino ha sbagliato molto nel non aver mai sentito il bisogno di lavorare per la creazione di questo tipo di Europa.
Ho cercato di convincere lo storico sovietico Vsevolod Kniajinski su questo quando è venuto a trovarmi a Bruxelles nell'aprile del 1986. Kniajinski ha pubblicato in diverse lingue (incluso il francese, che parla fluentemente), L'Integrazione Ouest-Europeenne: Politique et Relalions Internationales [Integrazione dell'Europa occidentale: politica e relazioni internazionali]. Non sono riuscito a convincerlo nonostante i miei sforzi. Dopo una giornata di discussione storica e di una serata nel salone di Villa Lorena - uno dei miei ristoranti preferiti - non ne è venuto fuori nulla. Mi ha dedicato il suo libro. Ho dedicato il mio a lui. Per fortuna, ho altri legami laggiù. A pagina 322 dell'edizione francese, il professore sovietico fa notare che l'Inghilterra viene utilizzata come cavallo di Troia dagli americani nell'attuale Europa. L'atteggiamento di Kniajinskfs verso l'Europa ricorda quello di Richelie o Mazarin verso la Germania. Mostra un forte desiderio di ridurre l'Europa a una "Kleinstaaterei" proprio come la Germania fu ridotta (sorprendentemente) a 343 stati dal Trattato di Westfalia nel 1648. Il libro del professore sovietico è pesante e ingombrante da leggere. È scritto in gergo politico. Il suo indice bibliografico è ben documentato.


Per la cronaca, dovresti sapere che l'enorme biblioteca personale di Haushofer è stata letteralmente rubata nel 1945 da due ufficiali dell'esercito degli Stati Uniti. Tenenti Morgenstem e Kaufmann. Dico rubato di proposito, non confiscato. Il materiale sorgente più completo su Haushofer, sebbene noioso da leggere, si trova nei due volumi dell'opera scrupolosa di Hans-Adolf Jacobsen Karl Haushofer: Leben And Werk. In tutte le 1.600 pagine. Estenuante!

Per come la vedo io, la geopolitica dovrebbe cercare di immaginare e delineare Stati che sarebbero fattibili sia dal punto di vista economico che militare. Dovrebbe tracciare la dimensione minima di tali stati. Dovrebbe anche determinare dove posizionare le frontiere massime, quelle oltre le quali la produttività inizia a essere a rischio. La geopolitica deve anche portare alla ridistribuzione delle zone di influenza. La geopolitica deve aiutare a creare unità più grandi. In economia ci sono soglie critiche al di sotto delle quali la sopravvivenza economica, e di conseguenza la sopravvivenza storica, non sono più nemmeno possibili. Atene, Tebe e Sparta scomparvero dalla storia perché non furono in grado di vedere che la Città-Stato sarebbe stata dominata dallo Stato Territoriale, prima da quello di Filippo di Macedonia, poi dallo Stato romano.

La guerra del 1939-1945 uccise da 40 a 45 milioni di uomini. La prossima guerra ne ucciderebbe 400 milioni. La razza bianca sarebbe eliminata dalla storia. Sono gli autori, i pensatori, i polemisti e i militari americani americani i più pericolosi al momento. La guerra difficilmente ha toccato gli Stati Uniti. Qui in Europa, tedeschi e russi sanno cos'è la guerra. Gli europei sono maturi, gli americani immaturi, in questo settore. Quindi la geopolitica moderna deve aiutare a disinnescare alcune miniere pericolose: la flotta americana nel Mediterraneo, l'influenza sovietica a Cuba, la presenza sovietica in Indocina, le rivendicazioni cinesi al Nord e così via.

Gli antichi Greci non capivano la progressione necessaria da Città-Stato a Stato-Territoriale. La stragrande maggioranza degli europei non percepisce la necessaria progressione dagli Stati territoriali agli Stati continentali. Lo stesso vale per l'America Latina.

Nessun commento:

Posta un commento