lunedì 27 luglio 2020

Intervista al maestro Jean Thiriart / Domanda 2 (Rossobruni e Ribbentrop Molotov)

Jean Thiriart, intervista, Europa Nazione, Europa, Comunismo, Nazional socialismo, Geopolitica, rossobruni
Queste domande sono state sottoposte a Jean Thiriart il 21 gennaio 1987 da un gruppo di giornalisti americani della rivista “The Plain Truth” guidati da Gene H. Hogberg. Prima effettuarono un’intervista televisiva che fu poi precisata con le risposte che vi presentiamo. 

DOMANDA 2

Pensando in termini di geopolitica, quali principali errori strategici ha commesso Adolf Hitler nella seconda guerra mondiale?


RISPOSTA di Jean Thiriart

In primo luogo, dobbiamo rinunciare all'approccio semplicistico in bianco e nero che considera il comunismo e il socialismo nazionale come poli opposti l'uno rispetto all'altro. Erano concorrenti molto più di quanto fossero nemici. Questo è il motivo per cui il trattato tedesco-sovietico totalmente inaspettato nell'estate del 1939, per la prima volta, mise i pedoni nei loro posti giusti sulla scacchiera.


Il vero fascismo non è sicuramente di destra. (Cfr. Le analisi di Zeev Stemhell, lo storico israeliano). Le radici "di sinistra" del socialismo nazionale sono numerose. Dopo aver lasciato la prigione, sono riuscito a incontrare e intervistare l'ultimo fratello Strasser sopravvissuto, Otto. Intorno al 1962, la mia rivista pubblicò due interviste personali con Otto Strasser. Le SA (camicie brune) erano talvolta soprannominate "bistecche". In effetti, la maggior parte dei SA erano comunisti che erano andati con Hitler. Bruno all'esterno, ma rosso all'interno. Nella Germania orientale, verso il 1950, molti di questi divennero di nuovo rossi anche all'esterno.


A partire dal 1943, divenne evidente che il Terzo Reich non poteva vincere su due fronti. Era necessario provare a negoziare una pace separata con una parte. Goebbels non esitò: "le trattative devono essere fatte con Stalin". Nel 1986 è uscito uno studio storico sull'occupazione tedesca del Belgio: La Belgique sous la botte [Belgio sotto lo stivale], di Jacques Willequet (Editions Universitaires, Parigi). A pagina 75, lo storico belga pubblica un abstract delle analisi fatte dalla Chiesa cattolica (Canon Van de Elst - segretario del cardinale-primate Van Roey) relative al modo in cui la gente pensava in Germania all'epoca: "Le SS sono filo-sovietiche: i circoli intellettuali e le classi medie si inclinano verso Occidente." Questa conclusione viene da un'analisi delle possibilità di una pace separata all'inizio del 1944. Vorrei citare Michel Heller e Aleksandr Nekrich, autori sovietici che arrivarono in Occidente. Aprendo il loro libro L'Utopie au pouvoir [Utopia al potere], leggiamo: "Hitler, da parte sua, ha detto ai suoi compagni della sua convinzione che un comunista potrebbe sempre essere un buon nazista, mentre un socialdemocratico non potrebbe mai".


I due storici ex-sovietici forniscono molti dettagli sul "dividere il mondo". Il 14 novembre 1940, Molotov lasciò Berlino con le proposte tedesche. Ritornò in fretta a Berlino, dopo 12 giorni di lavoro con la leadership sovietica. Sfortunatamente, l'accordo è fallito a causa degli estremisti di entrambe le parti. Fu Ribbentrop che, il 13 ottobre, prese l'iniziativa di inviare una lunghissima lettera a Stalin. In questa lettera, Ribbentrop propose che Stalin aderisse al Patto tripartito. Il patto di tre sarebbe diventato un patto di quattro.


L'asse immaginato da Haushofer era Tokyo / Mosca / Berlino / [Roma]. Il premio: l'impero britannico. C'erano scelte da prendere, abbondanti bottini da condividere. La sincerità di Ribbentrop non può essere messa in dubbio. Qui, farò uso di una recente fonte sovietica. L'autore è Valentin Beriejkov, addetto all'ambasciata sovietica a Berlino, e interprete personale di Stalin. Il titolo francese: J'etais interprete de Staline [I Was Stalin's Interpreter]. Beriejkov era alla Cancelleria di Berlino nel giugno del 1941 quando il Reich dichiarò guerra all'URSS. Ribbentrop annunciò a loro la decisione di Hitler. Beriejkov scrive come segue: "Ci siamo voltati e ci siamo diretti verso la porta. In quel momento è successo qualcosa di inaspettato. Accelerando il suo passo, Ribbentrop ha alzato il livello con noi. Parlando rapidamente con una voce tremante, ci ha assicurato che era personalmente contrario al Fuhrer la considerò pura follia, ma non era stato in grado di fare nulla al riguardo, Hitler aveva preso la decisione e si era rifiutato di ascoltare nessuno ... Far sapere a Mosca che ero contro l'attacco, abbiamo sentito dire al Reichminister, anche se eravamo già nel corridoio".



Beriejkov conferma il clima descritto dai fuggitivi sovietici Heller e Hekrich. L'interprete di Stalin era presente personalmente quando Hitler fece la dichiarazione sulla divisione del mondo. Il seguente estratto è di pagina 25: "In questo frangente, Hitler ancora una volta sviluppò il suo fantastico piano per dividere il mondo. Nei prossimi mesi ci assicurò che l'Inghilterra sarebbe stata sconfitta e occupata dagli eserciti tedeschi. Gli Stati Uniti non sarebbero stati in grado di costituire una minaccia per la "Nuova Europa" per molti anni a venire. Ecco perché erano maturi i tempi per pianificare la creazione di un "Nuovo Ordine", che governava tutto il mondo. E i governi italiani erano preoccupati, continuò il Fuhrer, avevano già determinato le rispettive sfere di interesse. Questi dovevano essere l'Europa e l'Africa. Gli interessi del Giappone erano nell'Asia orientale." Con questo in mente, ha continuato, l'Unione Sovietica potrebbe spostarsi oltre i suoi confini meridionali verso l'Oceano Indiano. Ciò le darebbe accesso ai porti di acqua calda.


Come molti prima di lui, anche Jacques Doriot, uno dei leader comunisti internazionali e un membro anziano del Comintern, passò dal comunismo al socialismo nazionale. Doriot ebbe un enorme prestigio in Francia nel 1926. Era uno dei confidenti di Stalin e tutti lo sapevano. Nel 1925 Ho Chi-Minh fece affidamento su di lui. Doriot terminò la sua carriera nella divisione di Charlemagne delle SS, che era composta principalmente da volontari francesi. In Belgio, Henri De Man, presidente del partito socialista belga, fu fortemente coinvolto nella collaborazione intellettuale con il Terzo Reich. Nel 1938 era, almeno per quanto riguardava l'Europa, il più grande teorico della dottrina del socialismo moderno. Ha pubblicato un gran numero di opere. De Man, come Doriot, e seguendo le orme di tanti altri, fu affascinato dal socialismo nazionale.


Al contrario, gli interessi degli altri sono iniziati con il socialismo nazionale e si sono conclusi con il comunismo. Nelle sue memorie, Walter Schellenberg menziona Heinrich Muller, il famoso ufficiale delle SS che guidava la Gestapo - dopo essere stato l'assistente di Heydrich. Nel 1945 Muller disertò nel campo sovietico. Fin dal 1943, almeno tra i suoi più stretti collaboratori, si è riferito nei confronti dell'Occidente come a un "bidone della spazzatura".

Ho fatto queste divagazioni per spiegare il motivo della continua osmosi tra comunismo e socialismo nazionale. Ora che ho brevemente delineato il clima psicologico o ideologico dell'osmosi tra i due sistemi, diamo un'occhiata alle ragioni geopolitiche del piano Ribbentrop. La Germania e l'URSS uscirono dalla guerra ridotte di statura e forza, la prima nel 1918, la seconda già nel 1917. Non dobbiamo dimenticare le incursioni militari inglesi e francesi sul territorio russo dalla nascita dell'URSS. La Germania e l'URSS furono sconfitte nella guerra del 1914-1918. Erano nazioni povere rispetto alle nazioni "possidenti”, Inghilterra e Francia. Dal punto di vista strategico, l'Unione Sovietica e la Germania non sono separate l'una dall'altra dall'acqua, ma da una pianura - una pianura infinita sempre vulnerabile a iniziative militari senza ostacoli. Affinché i due paesi possano difendersi, un numero considerevole di truppe di terra deve essere schierato da entrambe le parti. Questo, a sua volta, provoca un drenaggio enorme e debilitante sull'economia.


Il punto che sto sollevando è ancora più valido nel 1987 di quanto non lo fosse nell'ottobre 1940. Attualmente l'URSS si sta esaurendo economicamente per mantenere un enorme esercito di terra, uno sforzo che l'Inghilterra non ha dovuto fare prima del 1940 e che gli Stati Uniti non fa ancora nel 1987. Ribbentrop ha accuratamente ridimensionato il lato negativo di questo scontro potenziale nel 1939-1940. La guerra del 1941-45 lo dimostrò nel modo giusto: i due più grandi eserciti di terra del mondo dovevano esaurirsi a vicenda. Ribbentrop aveva una visione sia strategica che geopolitica. La sua scelta di amico e nemico era corretta. Per quanto riguarda Hitler, a causa del suo approccio razzista ai problemi, sottovalutò, ha terribilmente sottovalutato, gli slavi. Il resto è storia.

La posizione di Ribbentrop fu influenzata dalla tradizione prussiana di evitare un nemico in Oriente. I re prussiani evitarono sempre qualsiasi spinta militare in Oriente. Bismarck era ancora più attento. La situazione rimane la stessa oggi; ma la posta in gioco è più alta. L'intera Europa occidentale non ha nulla, assolutamente nulla da guadagnare intraprendendo crociate in Oriente. In ogni caso non ha il coraggio di tali impegni. L'Unione Sovietica ha tutto da guadagnare corteggiando l'Europa. Oltre a ciò, ha tutto da guadagnare determinando una totale integrazione da Vladivostok a Dublino.

L'Unione Sovietica non può avere un grande disegno politico fintanto che il suo fianco occidentale rimane esposto sul lato europeo; quella terribile pianura, la "pancia nuda" tra Lubecca e Sofia, che invita all'aggressione militare. L'URSS è in realtà sulla difensiva dal 1945 a causa della sua posizione geografica. Come potenza continentale, l'URSS non può permettersi di perdere una guerra. Inoltre, per uno stato totalitario, perdere una guerra comporta la fine del regime. Un potere mercantile marittimo, come era l'Inghilterra in passato e come lo sono gli Stati Uniti oggi, può perdere una guerra senza necessariamente scomparire dalla scena. La natura insulare dell'Inghilterra in passato, come quella degli Stati Uniti oggi, offre evidenti vantaggi strategici. L'URSS (cioè Heartland), è in uno stato permanente di "assedio" o "blocco". Gli Stati Uniti, con la loro serie di satelliti che si estendono dalla Norvegia alla Turchia attraverso Danimarca, Olanda, Belgio, Germania, Francia, Italia, Spagna e Grecia, controllano il Rimland (l'anello costiero). Il Rimland può essere facilmente trasformato in un tipo di boa constrictor economico-militare.


Il fatto che deve essere chiaramente compreso è che l'URSS è sotto blocco e che gli Stati Uniti stanno imponendo un blocco, anche in tempi di guerra fredda e pace. In questo gioco di "blocco", le regole da ricordare sono che il potere di blocco deve solo colmare i vuoti; mentre, per districarsi, il paese sotto assedio deve effettivamente sconfiggere il nemico. L'uno deve vincere; mentre l'altro può essere soddisfatto di non perdere.

Nessun commento:

Posta un commento