martedì 28 luglio 2020

Lotta di Classe (Ernst Niekisch)

Ernst Niekisch, Comunismo, Europa, rivoluzione conservatrice, Widerstand, lotta di classe, nazionalismo, nazbol
La differenza tra le classi e il loro antagonismo, che hanno ragioni oggettive, è un fatto ineluttabile, inerente alla natura umana. Oltre a ciò, è la conseguenza delle condizioni sociali e della struttura della società. Nell'epoca della "società organica", la differenza di classi era nascosta dietro le tensioni mai placate tra le diverse proprietà. Ricco e povero, nobile e umile, potente e debole, signore e servitore, impiegato e capo, ma anche aristocratico e borghese - non erano in nessun caso polarità complementari all'interno di un insieme armonioso. Questi opposti designano forze esplosive che la struttura sociale deve padroneggiare, contro le quali non deve mai smettere di difendersi.

Quando la sensazione di differenza sociale raggiunge il punto in cui vogliamo superarla, la differenza tra le classi si trasforma in lotta di classe. L'opposizione tra classi sociali è un fatto al di fuori della volontà umana. La lotta di classe è un'esacerbazione consapevole di questa opposizione che solo la volontà umana può provocare. La differenza tra le classi è data, la lotta di classe deve essere organizzata. La differenza è uno stato, la lotta è un'attività. La differenza tra le classi è un destino, la lotta di classe è una rivolta contro il destino.

La struttura sociale è verticale, va dall'alto verso il basso. Sulla base poggiano i carichi. Il peso dell'insieme poggia sulla "base". Più si va in alto, più si è "liberi". La libertà di movimento aumenta e, più in alto, è molto più facile raddrizzare le spalle e alzare la testa. La vista che va dal basso verso l'alto è molto diversa. Laggiù, non c'è nulla che quello in alto possa desiderare. Non ha motivo di "invidiare" l'altro che è più basso. Gode ​​della sua altezza, della sua "superiorità" non appena guarda in basso. Ma, vista dal basso, questa "altezza" appare come un destino privilegiato, come un destino più felice. Sono esclusi, quando si trovano in basso, dove soffrono e invidiano questa felicità.

Pertanto, comprendiamo che la volontà di impegnarsi nella lotta di classe è sempre infiammata dal basso. Chi è in alto pensa di mantenere l'ordine a cui il mondo è legato in modo da poter custodire la sua buona posizione. Un uomo privilegiato pensa sempre di avere un titolo giusto. Nel quadro della lotta di classe, si ritrova sul lato soleggiato. Quale motivo ha per conquistare le posizioni all'ombra? La lotta di classe mira al privilegio di "essere in alto". Chi è in alto rischia fortemente di essere gettato in una situazione inferiore, non appena inizia la lotta di classe. Pertanto, tutti coloro che sono più in alto hanno buone ragioni per condannare in modo definitivo e ignominioso la lotta di classe. In alto, sono buoni. Per coloro che possono sentirsi al sicuro lì, è necessario che quelli "sul fondo" si sentano ugualmente bene lì. La lotta di classe è un cataclisma; il terreno su cui sono posizionati inizia a tremare. La lotta di classe è considerata la più grande maledizione che possa colpire il mondo. Quelli in alto la condannano all'unanimità. Se, laggiù, esprimono lo stesso accordo, la lotta di classe sarà soppressa. Coloro che sono in alto non avranno più paura di "cadere". Ma in basso, non mantengono questa opinione. Mostrano invidia. Coloro che non hanno nulla da perdere, al di fuori delle loro catene, cercheranno sempre di vincere tutto. Pertanto, il frastuono della lotta di classe non cesserà mai.

Il marxismo afferma che la lotta di classe è la forza motrice della storia. La storia "non è altro che la lotta di classe". È la più grande impresa della storia mondiale accelerare la coscienza di classe delle classi inferiori e impregnarle della volontà fanatica di questa lotta. La sua interpretazione della storia è un mezzo per incoraggiare la volontà di lottare in classe. Marx spiega la storia nel modo in cui vorrebbe crearla.

Per settant'anni abbiamo insegnato alla coscienza della classe operaia tedesca, l’abbiamo addestrata alla lotta di classe. In nessun altro posto abbiamo messo tale zelo nel coltivare la coscienza di classe nella classe operaia, inculcandola nella lotta di classe. E nonostante tutto, fino ad oggi, il lavoratore tedesco non osa impegnarsi nella rivoluzione della classe proletaria. Il 1918 fu solo un crollo. Ma la politica delle coalizioni che seguì non fu una lotta di classe; era piena di servile compiacimento per quanto riguarda la società borghese. Non lo dimostrano solo i calci, a cui rispondiamo oggi con la vergognosa moda dell’auto negazione del lavoratore tedesco, ma anche altro. In Germania l'idea della lotta di classe proletaria non poteva, fino ad oggi, svilupparsi in modo da influenzare il corso della storia.

Nell'anno 1789, la rivoluzione della borghesia francese contro la società feudale fu una lotta di classe. Sotto i successori di Luigi XIV (Il Re Sole), la posizione eminente che la Francia occupava nel mondo si sgretolò, a poco a poco. La Francia ha perso il suo impero in America. In Europa, fu superato da Prussia e Austria. L'indebitamento dello stato ha paralizzato la sua libertà di azione esterna. La classe dirigente feudale sprecò uno splendido patrimonio storico. Era in procinto di portare la Francia in completa rovina. Questa classe era un cattivo amministratore dei bisogni vitali del Paese.

Esisteva un amministratore migliore di questi bisogni vitali? La borghesia ha affermato di avere questa competenza.Gli aristocratici in esilio, che attirarono tradizionalmente le potenze straniere da Coblenza contro la Francia per tradire il proprio paese, confermarono la validità di questa affermazione.

Spinta dal proprio istinto di lotta di classe, la borghesia scacciò la nobiltà. Per ragioni di politica nazionale, meritava di essere scacciata. Questo rovesciamento fu molto più che un evento sociale: l'idea della lotta di classe si basava qui in un'infiammata passione nazionale. La borghesia francese salvò prima il paese dall'Europa decapitando il suo re e la sua aristocrazia. L'inversione dell'ordine sociale stabilito gli diede un vantaggio sociale d'importazione. Ma tutto insieme, questo sconvolgimento aveva svolto una funzione nazionale. Nelle condizioni dell'epoca, la lotta di classe, sotto forma borghese, era l'unico mezzo che permetteva alla Francia di condurre il combattimento per affermarsi bene, come nazione. La lotta di classe era il mezzo della lotta nazionale. La guerra nazionale e non la lotta di classe ha dato il suo vero significato agli eventi. La differenza di classe è stata agitata e quindi trasformata in lotta di classe per renderla una forza motrice politica al fine di soddisfare un requisito nazionale. La borghesia francese divenne la classe dominante, perché la sua lotta di classe era subordinata alla legge della vita politica e nazionale della Francia. Il vero significato della rivoluzione francese non si limitava alla lotta di classe. Poiché la borghesia francese sapeva dare nuove basi al potere nazionale e politico della Francia, era ugualmente in grado di prendere una direzione sociale. È uscito vittorioso dalla lotta di classe perché sapeva guidare bene la lotta nazionale.

Mentre la borghesia francese ha salvato la Francia dall'impotenza politica, il lavoratore russo ha salvato la Russia dalla disintegrazione e dalla colonizzazione. La classe dirigente russa, feudale e borghese, aveva cospirato con il nemico. Aveva sacrificato l'indipendenza e l'integrità nazionale, in modo che potessero avere la certezza di mantenere i propri privilegi. Così anche l'esistenza di classi superiori divenne un pericolo per la Russia. Se il paese voleva proteggere la sua autonomia e la sua libertà materiale dalla politica estera, doveva necessariamente annientare queste classi. Erano agenti segreti e alleati delle potenze occidentali. La difesa dei loro privilegi era un tradimento. Di conseguenza, sono stati sottoposti alla punizione riservata ai traditori nel loro paese. La Russia eterna ha trovato al suo fianco gruppi di partigiani e brigate di lavoratori. Durante la notte, Lenin è stato nominato l'amministratore di questa Russia. L'idea della lotta di classe non avrebbe potuto infiammare le masse, se non fosse stata caricata di questo esplosivo che è la missione nazionale. Certamente questa idea esisteva già, ma in una forma meno acuta e senza vitalità. Fumava nelle ceneri. L'idea divenne un fuoco che divorava il decadimento e purificava la sostanza indistruttibile nel momento in cui scaricava questa missione nazionale per la quale la Russia, nei parossismi della sofferenza, aveva cercato uno strumento disposto e pronto a sacrificare. La rivoluzione russa fu ugualmente una rivoluzione nazionale. La volontà di lottare delle classi lavoratrici aveva una funzione politica. Era, in qualche modo, morale militare, a cui il lavoratore obbedì immediatamente quando fu chiamato a fare la storia del mondo.

In Germania, le cose sono molto diverse. I lavoratori consapevoli della loro classe evitano con cieca testardaggine l'incontro con la passione nazionale. Questo vale sia per il socialdemocratico che per il comunista. La classe operaia è ostinata all'egoismo della sua lotta di classe. Un grande orizzonte nazionale lo spaventa. Dal 1918, si rese conto che la sua coscienza di classe, che era stata categoricamente limitata a se stessa, è totalmente sterile nello schema politico, senza alcun peso. Rifiutando di essere uno strumento che consente l'intervento negli affari nazionali, la coscienza di classe non è in grado di esercitare un'influenza reale sul corso delle cose. La socialdemocrazia e il Partito comunista non sono organi viventi. Non hanno questo splendore che consente loro di penetrare nello spazio politico della Germania. La lotta di classe ispirata alla socialdemocrazia si limita a frasi vuote. Non può scuotere la borghesia. Nella misura in cui cerca di trasformare la politica, diventa un elemento a favore della politica estera della Francia. Al contrario, la lotta di classe ispirata al comunismo si esaurisce in una inutile baccano. Cerca di essere il riflesso dello sconvolgimento del mondo, che è stato prodotto in Russia. Ma poiché è sul suolo tedesco, difficilmente può essere lo strumento dell'ardore fanatico del nazionalismo russo, rimane un'impresa vana e infruttuosa.

Il carattere borghese del regime di Versailles è una vera provocazione nei confronti del lavoratore tedesco, che lo incita ad amalgamare la volontà di lottare in classe con la volontà per la libertà della Germania. Prima di questa provocazione, la socialdemocrazia è rimasta in una pesante mutualità. Ma non aveva mai osato più di un'alleanza tattica con la volontà di libertà tedesca. Anche quello era finito. Nel frattempo si era ritirata in un egoismo di classe tanto puro quanto sterile.

Il fatto che la volontà di classificare la lotta dei lavoratori tedeschi si riveli inaccessibile alla passione nazionale assicura, meglio di ogni altra cosa, il potere sociale della borghesia, favorendone il ripristino e incoraggiando il fascismo. La classe dirigente della Germania è in connivenza con il nemico. Si accorda con Versailles, come la classe dominante russa aveva fatto con Francia, Inghilterra, Giappone e America. Trasferisce il suo capitale allo straniero. Con la costituzione di trust e l'indebitamento internazionale, consegna la Germania ai suoi vicini ostili. La politica dell'esecuzione dei trattati è un'eterna rinuncia a se stessa. Moralmente, non può più giustificarsi.

Ma non c'è nessuno che, per amore della Germania, possa farla cessare. Solo la lotta di classe, la cui vera forza motrice è il respiro della passione per la libertà della Germania, può raggiungere questo obiettivo. L'idea della lotta di classe in sé non autorizza quella del lavoratore tedesco. È consapevole che questa idea non ha abbastanza respiro per una missione così storica.


Pertanto, il compito nazionale rimane incompiuto.

Così la borghesia tedesca può ancora facilmente mettere in atto e perfezionare il sistema di rassicurazione vicino al regime di Versailles.

Pertanto, la Germania affonda sempre di più nella dominazione francese.

Il legame, in definitiva naturale, tra la lotta proletaria e la passione nazionale non è stato creato. Ecco perché la situazione in Germania è disperata.

La volontà della lotta di classe, che si occupa solo della purezza e dell'autenticità delle sue intenzioni, non può liberare la classe da cui è nata.

Solo la volontà della lotta di classe come organo politico e contenuta nella volontà vitale nazionale, libera i popoli.


Ernst Niekisch - Widerstand, 1932

Nessun commento:

Posta un commento