mercoledì 29 luglio 2020

Intervista al maestro Jean Thiriart / Domanda 3 (Ruolo dell'Urss, Koestler)

Thiriart, europa nazione, comunitarismo, urss, comunismo, 400 milioni di uomini, pdf, nazbol, rivoluzione conservatrice, stalin
Queste domande sono state sottoposte a Jean Thiriart il 21 gennaio 1987 da un gruppo di giornalisti americani della rivista “The Plain Truth” guidati da Gene H. Hogberg. Prima effettuarono un’intervista televisiva che fu poi precisata con le risposte che vi presentiamo.

DOMANDA 3

Sostieni un riavvicinamento, un nuovo patto Rapallo a livello europeo, che abbracci l'Europa unita e l'Unione Sovietica. Quali vantaggi ci sarebbero per entrambe le parti in un accordo del genere? Mosca, ad esempio, darebbe maggiore libertà alle nazioni dell'Europa orientale in cambio di aiuti economici dall'Europa occidentale?

RISPOSTA

Il mio modo di pensare si è evoluto dal 1964 quando immaginavo un'Europa che derivasse il suo slancio dall'Occidente e si diffondesse verso est, mantenendo sempre buoni e stretti rapporti con l'URSS. Ora, nel 1987, ho cambiato la mia prospettiva a favore di una dinamica da est a ovest.

Oggi vedo qualcosa di molto più grande di un patto di Rapallo allargato. Un libro che sarà pubblicato sotto il titolo L'Empire Euro-Sovietique de Vladivostok a Dublino [L'impero euro-sovietico Da Vladivostok a Dublino] risponderà a tutte le tue domande. Il libro è stato completato tre anni fa. Non l'ho ancora pubblicato perché: 1) Il mio tempo è stato molto occupato con responsabilità professionali durante un periodo di rapida espansione aziendale; 2) Non avevo ancora deciso quale sistema informatico adottare, ora ho una grande rete di computer IBM a mia disposizione; quindi scriverò la mia bibbia sull'espansione europea con l'aiuto di IBM e "WordPerfect", l'ironia e il paradosso di tutto questo!

Militarmente, l'URSS non può continuare indefinitamente a tollerare la "testa di ponte americana" sul suo fianco occidentale - una testa di ponte composta dai domestici degli americani, i lacchè di Bonn, Londra, Parigi, Roma e Bruxelles. L'Europa occidentale di oggi, sotto il controllo della NATO, è un tumore nella zona dell'URSS. Tutti gli sforzi della strategia navale dell'ammiraglio Gorshkov sono praticamente inutili fintanto che gli Stati Uniti mantengono quel "capo", quel pezzo di Rimland.

Militarmente, l'URSS è costantemente sulla difensiva - una costosa difensiva. Sul suo lato occidentale, l'URSS non è ancora completa. La NATO in Europa e la sesta flotta nel Mediterraneo sono un vero incubo per i sovietici; è una terribile posizione di debolezza. L'URSS ha bisogno dell'industria europea per sviluppare la Siberia. La Siberia, l'Estremo Oriente russo, sta vivendo una crescita economica interessante ma molto lenta se vista in relazione alle possibilità industriali dell'Europa occidentale. Lo sviluppo della Siberia sarebbe cinque volte più veloce se potesse attingere al potenziale industriale dell'Europa occidentale e l'integrazione dell'Europa occidentale con l'URSS segnalerebbe la propria autonomia in termini di energia. C'è così tanta ricchezza minerale ed energetica tra Kiev e Vladivostok che l'autarchia assoluta e totale diventerebbe un punto di fatto.

Arthur Koestler, che ammiro molto, e di cui conosco bene l'intera produzione letteraria, ha scritto descrivendo un'Europa totalitaria che si estende da Londra agli Urali (ancora una volta vediamo il malinteso geografico riguardo a queste insignificanti colline). Nel suo romanzo politico-storico ["Arrivo e partenza" ndr], Bernard, uno dei suoi personaggi, parla di questo argomento. "Chiedi a qualcuno di tradurre per te le pagine 181, 182 e 183, riguardanti la "nuova gigantesca patria eurasiatica". E appendi questa traduzione sulla tua scrivania. Certo, la mia Europa va oltre gli Urali; ho una migliore conoscenza della geopolitica e una migliore conoscenza economica e militare di lui; la mia Europa si estende o, se vuoi, inizia a Vladivostok. Thiriart è una sorta di antitipo di Koestler Bernard, anche se su larga scala.

Nel romanzo di Koestler, Bernard è un socialista nazionale; mentre io non sono socialista nazionale dal 1945; Ho i piedi per terra. Non ho mai avuto una mentalità "nostalgica, da vecchio soldato". Dal 1945 ho visto che il socialismo nazionale (con il suo stupido nazionalismo tedesco e altrettanto stupido razzismo antislavo) non è riuscito a creare l'Europa che immagino nella sua spinta verso est; tuttavia, un'Unione Sovietica, con un po' di immaginazione creativa, potrebbe dare vita a questa Europa attraverso un'iniziativa verso ovest. Il Bernard del 1987 è diventato un cittadino pan-europeo bolscevico, al servizio di un comunismo che ha gettato le catene di Marx. Ecco cosa disse il koestleriano Bernard dell'inverno del 1942-43 in merito alla sua visione di un'Europa nazionalsocialista. Bernard dice quanto segue:

Cittadini uniti di una gigantesca nuova patria europea. Beh, prima di tutto dimentichiamo almeno metà della nostra roba di propaganda ufficiale. Dobbiamo battere il tamburo per far andare avanti la gente: se dicessimo loro la verità, non capiranno. Cosa? Crediamo davvero che con il rapido sviluppo della scienza e della tecnica l'umanità sia entrata nella fase della sua pubertà, una fase di esperimenti radicali e globali con totale disprezzo per l'individuo, i suoi cosiddetti diritti e privilegi e altre chiacchiere - Le leggi dell'economia ortodossa, i costumi, le valute, le frontiere, i parlamenti, le chiese, i sacramenti e le istituzioni acquisiti, il matrimonio, i dieci comandamenti, tutte chiacchiere senza senso. 

Partiamo da zero. Ti dirò come... Chiudi gli occhi. Immagina l'Europa fino agli Urali come uno spazio vuoto sulla mappa. Ci sono solo campi energetici: energia idroelettrica, minerali magnetici, carbone sotto la terra, pozzi di petrolio, foreste, vigneti, terre fertili e sterili. Collega queste fonti di energia con una linea blu, rossa, gialla e ottieni la rete distributiva. Blu: la rete elettrica comune che si estende dai fiordi norvegesi alla diga di Dnieper; rosso: il flusso di traffico controllato di materie prime; giallo: lo scambio regolamentato di manufatti. Disegna cerchi di raggio variabile attorno ai punti di intersezione e ottieni i centri di agglomerazione industriale; elabora il lavoro umano necessario per alimentare la rete in qualsiasi momento per ottenere la densità di popolazione adeguata per qualsiasi distretto, provincia e nazione; dividi questa cifra per la quantità di potenza che introduce e ottieni lo standard di vita assegnato ad essa. Elimina i ridicoli confini tortuosi, le muraglie cinesi che attraversano i nostri campi di energia; industrie di scarto o di trasferimento costruite inutilmente nei posti sbagliati; liquidare le eccedenze di popolazione nelle aree in cui non sono necessarie; spostare la popolazione di alcuni distretti, se necessario di intere nazioni, negli spazi in cui sono ricercati e nel tipo di produzione per cui sono meglio razzialmente adattati; spazzare via ogni linea di forza inquietante che potrebbe sovrapporsi alla tua rete, cioè l'influenza delle chiese, del capitale estero, di qualsiasi sistema filosofico, religioso, etico o estetico del passato... Compresi quei totem, poli e forze tribali di cui eri così affezionato?

Peter interruppe. “Sì, certo”. Bernard continua imperturbabile: “Comprese le tradizioni e la cultura nazionali dei popoli temporaneamente soggiogati. Non abbandoneranno mai volontariamente la loro pretesa anacronistica di sovranità nazionale, l'unico mezzo per unificare l'Europa è attraverso la conquista, proprio come gli stati nani tedeschi potevano essere unificati solo dagli eserciti prussiani. Se aspetti che i tuoi capitalisti in competizione o la tua classe operaia internazionale facciano il lavoro, puoi aspettare a lungo e nel frattempo puoi guardare i tuoi proletari dimenticare tutto della loro solidarietà di classe e ogni venti anni correre alle armi per uccidersi a vicenda. Hai iniziato a risolvere il problema dalla parte sbagliata; eri un dilettante, amico mio. La rivalità tribale può essere abolita solo dalla tribù più grande che ingoia quelle più piccole. A proposito, con la tua dialettica hegeliana, Tesi: il conquistatore, antitesi: il conquistato: sintesi: conquistatori e conquistati uniti come cittadini della nuova gigante patria eurasiatica

La fusione dell'URSS con l'Europa occidentale libererebbe un numero enorme di forze armate (che attualmente difendono la pianura da Lubecca a Sofia) che potrebbero essere utilizzate altrove. Sottolineo: altrove. Questa fusione, questo matrimonio tra l'industria dell'Europa occidentale e le risorse minerarie ed energetiche (petrolio e carbone) di una URSS attuale relativamente piccola creerebbe una situazione di autarchia inattaccabile. Questa fusione ci permetterebbe di riprendere il controllo e la direzione dell'intera Africa. Citi le "nazioni dell'Europa orientale" nella tua domanda. A mio avviso, è indispensabile che a queste nazioni non sia mai più permesso di guardare al 21° secolo con alcuna speranza di vera indipendenza. Questa sarebbe una negazione dell'unificazione europea. Storicamente parlando, anche se l'occupazione sovietica da Varsavia a Sofia è una cosa crudele in termini di vita quotidiana, è una cosa positiva e positiva per la formazione dell'Europa.

La Francia che occupò l'Algeria per 130 anni unificò il paese. Nel 1830 l'Algeria assomigliava a un terreno fertile di lotte inter-tribali. Quando la Francia lasciò l'Algeria nel 1962, restituì agli abitanti un paese unificato. Un altro paradosso della storia. Qui in Europa occidentale, da un punto di vista storico, la NATO è positiva nel servire a realizzare una coscienza sovranazionale o transnazionale. Non tutto è negativo nell'occupazione militare dell'Europa occidentale. A livello tecnico-militare, sta inconsapevolmente forzando i meschini e imbecilli nazionalisti inglesi, tedeschi e italiani a lavorare insieme.

A lungo termine, anche l'occupazione sovietica da Varsavia a Sofia avrà risultati positivi. E lo stesso vale per l'occupazione americana da Oslo ad Atene, da Londra ad Ankara. La NATO offusca e diminuisce gli atteggiamenti psicologicamente dannosi dei precedenti piccoli nazionalismi dalla mentalità ristretta: italiano, francese, greco e così via. Le “vie del Signore” sono insondabili, come dicono i fedeli.

Per finire la mia risposta alla terza domanda, riassumerò come segue: Una fusione tra URSS ed Europa occidentale consentirebbe:

(a) All'Europa occidentale di recuperare completamente tutto ciò che ha perso frammentariamente tra il 1955 e il 1965 (i territori precedentemente appartenenti a francesi, belgi, portoghesi, spagnoli...)

b) La Siberia si svilupperà cinque volte più velocemente di oggi

c) L'esercito sovietico sarà sollevato dal suo estenuante ruolo difensivo tra il Mar Baltico e il Mar Nero

d) La Marina sovietica avrà finalmente un ruolo genuino da svolgere su scala oceanica: la flotta euro-sovietica quindi sia l'URSS che l'Europa occidentale per realizzare l'autarchia assoluta. Qualsiasi guerra che potrebbe tagliare l'Atlantico meridionale, l'Oceano Indiano o il Pacifico orientale avrebbe poca importanza. Il blocco unito da Vladivostok a Dublino sarebbe in grado di fare a meno del traffico commerciale via mare per decenni e decenni.

La mia visione di un'Europa fatta con, o piuttosto fatta fianco a fianco, pacificamente, con l'URSS è cambiata progressivamente dal mio libro del 1964, quindi ora, dal 1982, in effetti, immagino un'Europa fatta dall'URSS. Ciò scioccherà solo coloro che classificano gli uomini e le nazioni come buoni o cattivi, in modo maniacale. Arthur Koestler, che ha avuto una certa, innegabile influenza nel plasmare la mia visione politica e storica, procede dallo stesso punto di vista pragmatico.

A Londra, alla fine del 1944, scrisse: “Storicamente, fa poca differenza se è Hitler o qualcun altro che fa nascere gli Stati Uniti d'Europa ...” Poco prima, nel 1944, aveva già scritto: “Se Hitler ha fallito, Stalin può avere successo, e se Stalin fallisce, qualcun altro ci riuscirà tra un secolo o due”.

Il percorso filosofico di Koestler ha percorso la via dal sionismo al mandismo e alla fine della sua vita dal marxismo al liberalismo inglese. Il mio è progredito dal comunismo al socialismo nazionale e dal socialismo nazionale a un comunismo proiettato, illuminato, senza Marx. Infine, per me, come per Koestler, Hitler e Stalin appaiono in qualche modo come “mezzi per un fine”, gli strumenti, i potenziali ostetrici della storia, potremmo dire della Storia, con la “S” maiuscola. Koestler (il cui esempio io seguo) sottolinea spesso la differenza essenziale tra la storia percepita con la visione politica e la storia vista storicamente: l'unificazione storica dell'Europa è inevitabile: a lungo termine è “statisticamente” obbligatoria - dettata dalla geopolitica.

I politici del mercato comune a Bruxelles e i parlamentari del Parlamento di Strasburgo rientrano in una prospettiva politica. Nel 1987, mentre cerco un modo per accelerare le cose, l'unico modo sembra essere attraverso il conflitto armato. I miei scritti presenti e futuri devono servire allo stesso scopo di un “acceleratore di particelle” nella fisica sperimentale. La prospettiva deve essere storica piuttosto che politica. E l'unico modo possibile per ottenere ciò è attraverso un conflitto armato con gli Stati Uniti. Non con bombe atomiche; in questo caso basterebbe un calibro 45. Nella mia intervista con gli studenti universitari a Parigi, nel 1975, ho detto che 300 americani “assassinati” nell'Europa occupata avrebbero sia distrutto il loro compiacimento sia provocato una reazione accesa. E questo ci avrebbe finalmente dato i martiri di cui abbiamo bisogno. Sono esasperato dalla lotta coraggiosa ma intellettualmente assurda delle Brigate Rosse in Italia, dell'Azione Diretta in Francia, delle cellule comuniste combattenti in Belgio e della banda Baader-Meinhof in Germania. Mentre i loro colpi sono molto spesso impressionanti da un punto di vista tecnico, purtroppo il loro obiettivo non può essere preso sul serio: un tipo di comunismo pre 1848. Nessuno di questi gruppi ha pensato di unificarsi sotto un comune titolo europeo e di avere un unico nemico comune: il “nemico odioso”, l'americano. Chiuderò dicendo che il conflitto armato cambierebbe la prospettiva da politico a storico. Lo cambierebbe anche da banale a tragico.

Prima di concludere la mia risposta alla tua terza domanda, penso che sarebbe utile citare ancora Arthur Koestler a lungo. Sulla differenza tra politico e storico, sull'inevitabilità dell'unificazione europea e sull'irrilevanza dei mezzi utilizzati (conta solo il fine) per realizzare questa unificazione: attraverso un Hitler, uno Stalin o un nuovo Stalin. Ecco cosa scrisse Arthur Koestler alla fine del 1944:

Una vasta massa di individui sottoposti per lunghi periodi a determinate pressioni e influenze - climatiche, economiche, ecc. - reagiranno, prima o poi, in modo più o meno prevedibile. Le parole “prima o poi” e “più o meno” devono essere sottolineate poiché indicano il margine in cui fattori soggettivi, come il caso e la personalità, possono svolgere un ruolo. Tuttavia, se la storia è vista su una scala più ampia, per secoli anziché per decenni, l'importanza dei fattori soggettivi diventa trascurabile e le probabilità statistiche diventano certezze. Quindi, possiamo prevedere che l'alta velocità dei sistemi di trasporto porterà inevitabilmente all'unificazione dell'Europa. Se Hitler ha fallito, Stalin potrebbe avere successo; se Stalin non ci riuscirà, allora qualcun altro ci riuscirà entro un secolo o due. La storia assomiglia a un fiume, e il fattore soggettivo è come un masso lanciato nel mezzo del suo corso. Un chilometro a valle l'acqua riempirà ancora una volta l'intera larghezza del letto del fiume (che è determinato dalla struttura del terreno) come se la roccia non fosse mai esistita. Ma per un breve tratto - 100 metri o 100 anni - la forma del masso fa una differenza considerevole. Ora la politica non conta in secoli ma in anni, ed è per questo che lascia un margine di libertà e responsabilità personale ai leader. Non si tratta della responsabilità astratta dei leader nei confronti della Storia, ma della loro responsabilità morale nei confronti dei loro contemporanei. Storicamente, fa poca differenza se si tratta che sia Hitler o qualcun altro che realizza gli Stati Uniti d'Europa. Nel giro di un secolo o due, il limite del nazismo sarebbe stato smussato, le teorie razziste e i programmi ebraici non sarebbero altro che un lontano ricordo, e i risultati duraturi sarebbero stati un'Europa unificata che, intorno all'anno 2500, avrebbe posseduto le stesse generali caratteristiche di quello che verrà creato dal successore di Hitler. Ma politicamente parlando, se contiamo in anni anziché in secoli, la differenza è enorme in termini di tutta la sofferenza umana derivante dalla dolorosa diversione del fiume”.

Ecco un altro passaggio di Koestler:

"Cinquant'anni dopo la prima apparizione della ferrovia in Europa, i 300 e alcuni principati tedeschi divennero un unico Reich. Oggi, lo stesso processo di fusione è inevitabile su scala europea; nell'era del trasporto aereo, il puzzle anacronistico di piccoli stati non può continuare per molti decenni: fu la Prussia, la più militante, la più autocratica e la più spartana degli stati tedeschi, che unificò l'intero paese. La posizione assunta dalla Prussia a metà del secolo scorso in relazione al altri stati tedeschi è rappresentata oggi dai sovietici nelle loro relazioni con l'Europa centrale e orientale".

Koestler apprezza pienamente che dal punto di vista storico poco importa se è la Germania o l'URSS che fa nascere l'Europa: "Un secolo fa, anche Nietzsche vide la necessità di creare l'Europa. Quindi analizzerò brevemente il pensiero di Nietzsche su questo argomento, e per essere sia oggettivo che aggiornato, studierò Nietzsche visto da un professore sovietico contemporaneo, Stepan Odouev. Sto usando la versione francese del suo lavoro “Par les sentiers de Zarathoustra”. Nietzsche esercita un innegabile fascino, prima sui giovani romantici dei circoli occidentali, ma anche, si noti, su alcuni pensatori marxisti. Nel novembre 1968, a Belgrado si tenne un simposio intitolato "Marx e Nietzsche". In questo simposio, Danco Grlic, un comunista jugoslavo sostenne con passione le opinioni di Nietzsche, un approccio che non piace al sovietico Stepan Odouev (sic)”.

A pagina 18 della versione francese Odouev scrive come segue:

Inoltre, le opere di Danco Grlic sono estremamente caratteristiche di questo punto di vista. Si scopre che il creatore di Zarathustra ha usato “tutta la sua forza titanica” per demolire totalmente i valori di una cultura ipocrita - una morale immorale, punti di vista stereotipati (gli dei e gli idoli di una borghesia perfettamente sicura di sé e contenta di se stessa), e Nietzsche lo ha fatto nel nome della nascita dell'uomo nuovo, con il più alto livello raggiungibile di coscienza umana (143, p. 338) L'autore si sforza di dimostrare che sia Marx che Nietzsche hanno scelto una visione profetica simile dell'uomo su cui basare i loro sistemi filosofici e che le conseguenze storiche dei loro insegnamenti, nonostante le differenze, “sono molto vicine nell'approccio di base” e invita a un parallelo tra il superuomo e l'ideale comunista di uno sviluppo armonico progressivo della personalità, ecc. (cfr. 142, p. 13, 15, 131).

L'autore sovietico vede in Nietzsche una nostalgia per l'impero romano. Numerosi pensatori europei hanno espresso la loro nostalgia per l'impero romano, compresi me stesso e centinaia di altri. Per noi, tutto è sbriciolato dopo la morte dell'imperatore Giuliano. La prima rinascita fu illustrata da Federico II di Hohenstaufen. Cinque secoli prima del suo tempo, la sua Costituzione di Melfi annunciava lo stato romano unitario ... ricostituito in miniatura dalla prima Repubblica francese e perfettamente realizzato da Bonaparte. Stepan Odouev, studiando Nietzsche nei minimi dettagli, ha trovato quello che chiama “Qualcosa di simile all'Impero Romano”.


Quello che segue è un estratto dalle pagine 109-110:

Da questa volontà deve nascere uno Stato “ideale” che pone fine alla discordia derivante dall'avida ricerca della democrazia e crea veri e propri legami di ferro per le masse popolari, qualcosa come l'impero romano o l'assolutismo russo. Nietzsche considerava la Russia come “l'unica nazione contemporanea con la speranza di qualsiasi potere permanente, in grado di attendere e mantenere la promessa per il futuro”, l'antitesi della “pietosa instabilità” del governo parlamentare dell'Europa occidentale. Il potere della Russia continuerà a crescere a meno di essere indebolita dall'introduzione dell ' “idiozia parlamentare”.”

Odouev parla della “nevrosi nazionale” che affligge l'Europa e che invita Nietzsche al sarcasmo. Questa nevrosi patriottica è ancora dilagante oggi, specialmente in Francia, dove si estende da sinistra a destra su tutto lo spettro parlamentare come il richiamo del gallo di tutti gli "animali" politici.

Nietzsche è esasperato dalla divisione dell'Europa in piccoli Stati. Cito da pagina 115:

“I tedeschi si crogiolano in un nazionalismo squallido. Invece di approfittare di una situazione favorevole “per trasformare l'Europa in un'unità politica ed economica”, per conquistare altre terre, c'è “questa nevrosi nazionale” che affligge l'Europa e perpetua la sua divisione in piccoli Stati, politica parrocchiale”. Penso che rimarrai affascinato dal parallelismo totale tra ciò che Nietzsche pubblicò a Lipsia nel 1883 (Così parlò Zarathustra), e ciò che Koestler ha fatto dire al suo nazionalsocialista Bernard nel 1942, ciò che chiamo totalitarismo illuminato.


C'è qui un filo conduttore che conduce dalla volontà di potenza alla dalla volontà della superiorità (l'homo novus). Stepan Odouev sottolinea giustamente che l'idea di unità europea in Nietzsche va di pari passo con la descrizione del nuovo uomo, lo stesso homo novus che Marx, Lenin, Stalin e Gorbachev hanno voluto e ancora oggi vogliono. Prima di citare da pagina 117, lasciatemi mettere l'affermazione di Odouev nella giusta prospettiva facendo brevemente riferimento alla pagina 11 della sua prefazione. Lo scrittore sovietico afferma: “... negli anni Trenta, quando Zarathustra tornò dal cielo con una svastica sul braccio”. Zarathustra potrebbe tornare tra qualche anno, ma questa volta al Cremlino. Svastica o stella euro-sovietica; non fa alcuna differenza.

Ora ecco cosa dice Stepan Odouev a pagina 117:

“Il duplice processo di consolidamento delle forze di classe (oggettivamente condizionato dallo sviluppo dei mezzi di produzione capitalistici da un lato e anche dalla lotta di classe nella società borghese) appare nella teoria di Nietzsche come il fenomeno che determinerà sia una razza di uomini sovranazionali (gli europei del futuro) sia un'unica organizzazione europea controllata dallo stato: "gli Stati Uniti d'Europa". Chi sono questi “europei del futuro?” In che cosa consiste la loro missione? Quando parla degli “europei del futuro”, Nietzsche distingue ancora una volta due tipi umani “psicologicamente diversi”, liberi dalla nevrosi del nazionalismo, da ogni sentimento patriottico, da qualsiasi attaccamento di partito o altri “pregiudizi” della società democratica. Nelle attuali condizioni evolutive che stanno portando a un livellamento delle nazioni europee, osserva, si verifica, in primo luogo, un costante “livellamento e abbassamento dell'uomo verso la mediocrità”, la formazione di un animale “utile e zelante” con un branco estinto, adattato alla schiavitù e, in secondo luogo, alla promozione, all'ascesa, di alcuni individui potenti con le eccezionali qualità dei maestri tirannici”.

Ancora una volta, per concludere, ecco alcuni estratti delle pagine 121 e 119 del libro dello scrittore sovietico:

Nelle opere del suo ultimo periodo, Nietzsche parla molto della necessità dell'unificazione politica dell'Europa. Ma non ha mai concepito questa unificazione come un fenomeno incontrollato, che si sviluppa sulla base di un consenso tra potenze europee; e non è mai stato tentato, né tentò gli altri in questo senso con una visione di utopie pacifiste, e deduce l'inevitabilità dell'unificazione dalla volontà di potenza, vale a dire dalla lotta tra i presenti e futuri pretendenti per il dominio di questa zona del pianeta. Pertanto, l'unificazione dell'Europa deve essere preceduta da una grande guerra. . . Forgiare la stessa propria volontà per mezzo di una nuova casta che regna sull'Europa, una formidabile volontà di vasta portata, capace di fissare obiettivi per millenni. E così l'Europa una volta per tutte la finirà con la commedia troppo a lungo protratta della divisione in piccoli stati; i suoi capricci e impulsi dinastici e democratici divergenti saranno estinti. Il tempo per la piccola politica è passato: il prossimo secolo introdurrà la lotta per il dominio universale - l'obbligo per la politica su larga scala (cfr. 78, p. 127). Ciò significa che se l'Europa non si unisce sulla base dello "spirito germanico", è la Russia che lo farà”.

La profezia di Nietzsche si sta adempiendo. La Germania non è riuscita a creare l'Europa a causa della mentalità ristretta del nazionalismo di Hitler. Adesso. . . È la Russia che lo farà! (Nietzsche). È una fortuna che il tuo connazionale (il fachiro e cultista americano, ndr) Lyndon H. LaRouche non legga Nietzsche. Gli darebbe l'insonnia.

Sono stato un po' prolisso e pedante. Per favore scusami. Ma ho ritenuto importante portare alla tua attenzione le straordinarie coincidenze che si trovano tra Nietzsche, Koestler e me. Ne ho citati tre; ma potrei trovarne 50 per te nella mia biblioteca.


Molte persone, con il naso a terra come piccoli cani da caccia, annusano il vento dell'allarmante neonazismo, il vile koeminista o il sanguinoso gheddafista. Annusando troppo in basso, si può perdere ciò che potrebbe piombare in picchiata dall'alto.. Zarathustra al Cremlino lunedì, a Dublino martedì? A Johannesburg sabato? A Lipsia, in Germania, nel 1883, il libro di Nietzsche non suscitò alcun interesse. Stepan Odouev riferisce che un anno dopo la sua pubblicazione, “Così parlò Zarathustra, un libro per tutti e nessuno”, aveva venduto meno di 60 copie.

Nessun commento:

Posta un commento