mercoledì 26 agosto 2020

Intervista al maestro Jean Thiriart / Domanda 13 (Imperialismo culturale)

Jean Thiriart, Usa, Stati Uniti, imperialismo culturale, Europa Nazione, Epitteto

DOMANDA 13

La cultura di lingua inglese, in particolare quella degli Stati Uniti, sembra così attraente per gli altri, specialmente per i giovani, con la sua musica pop, il cibo, le mode e altre forme di consumismo. Alcuni usano persino il termine "imperialismo culturale". Sei d'accordo e, in tal caso, come può l'Europa riprendere il controllo del proprio sviluppo culturale?

RISPOSTA

Il termine "imperialismo culturale americano" è puramente polemico, non avendo un'esistenza cosciente per se. Tuttavia, esiste una forma degenerata della società americana che si sta diffondendo in tutto il mondo sulla scia delle preoccupazioni commerciali e militari americane. Né possiamo dire che la cultura europea possa essere limitata esclusivamente all'Europa. È semplicemente la cultura delle persone civili ovunque, che si tratti di Tokyo, Mosca, Singapore o Pasadena. Non sono uno di quelli che sogna una cultura europea separata, introversa, separata dagli altri o negata agli altri.

Il tipo di cultura "europea" che si è diffuso in tutto il mondo e che è stato adottato per più o meno negli ultimi quattro secoli è quello del Rinascimento, quello dell'antico mondo greco-romano. A dire il vero, qui in Europa esistono differenze di opinione sull'enfasi o sull'orientamento dato a questa cultura europea in tutto il mondo. Alcuni vorrebbero che fosse più giudeo-cristiano. Scusami se devo dirti che sono fortemente contrario a questa tendenza. Altri, come io stesso, vorrei vederla orientata più verso un tipo di neo-stoicismo, cioè verso l'autodisciplina e l'autocontrollo. Perché quando si riesce a dominare se stessi, è facile dominare gli altri. Sfortunatamente, a volte ci vuole un'intera vita per imparare a dominare se stessi. E quando finalmente si raggiunge questo obiettivo, o ci si avvicina al raggiungimento, nessuno nelle generazioni più giovani vuole accettare l'eredità o il messaggio.

Il mio sistema di valori è ispirato dallo stoicismo per quanto riguarda la disciplina personale e dal prometeanismo per l'"homo novus", vale a dire quando si tratta dell'interazione dell'uomo nel contesto della società. Per citare un autore classico, Epitteto, che affronta questo argomento:

Dato che i cattivi interpreti non possono cantare da soli ma in un coro, così alcune persone non possono stare in piedi da sole. Amico, se sei qualcuno, cammina da solo, conversa con te stesso e non nasconderti nel coro. Impara come prendere occasionalmente lo scherno degli altri, guardati intorno, agita te stesso per sapere chi sei”.

In questo brano Epitteto si colloca nella categoria degli individui autodeterminati, così ben descritti da David Riesman, professore di scienze sociali ad Harvard, intorno al 1955. Se la mia memoria non mi tradisce, il titolo americano era: "La folla solitaria".

Più o meno nello stesso periodo, Vance Packard stava diventando famoso in Europa per il suo “La Persuasion Clandestine” [The Hidden Persuaders]. Le opere che si occupano di psicologia e psichiatria mi hanno sempre interessato. Tra il 1950 e il 1960, ho letto quasi tutto ciò che era nuovo riguardo la psicologia sociale. Ciò ha influenzato mio figlio, Philippe, che ha studiato questa disciplina in Nord America e che attualmente sta dirigendo un laboratorio di psicologia sperimentale. Scrive e pubblica frequentemente.

Per quanto riguarda il Prometeismo, la cosa più semplice per me è darti la spiegazione del professore francese Jean Baechler che si occupa della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS). Ecco cosa scrive del prometeismo “in Qu'Est Ce Que L'ldeologie?” [Cos'è l'Ideologia?]:


Alcune espressioni dell'ideologia della volontà di potenza sono ovvie. Il prometeismo è l'ideologia tecnologica per eccellenza. Propone all'umanità un programma di perfezione sia materiale che umana. Il prometeismo cerca di sfruttare tutte le risorse, trasformare i continenti, i mari e il clima, andare sempre più veloce, più in alto e più lontano, cerca di migliorare le specie vegetali e animali e, perché no, le specie umane, al fine di sviluppare nuove specie mentre si lavora sulle possibilità psichiche latenti dell'uomo, ecc. Ma se la tecnologia ha aspetti positivi nell'aumentare ha anche il suo lato negativo: da un lato, schiavizza l'uomo, poiché la tecnologia pone le proprie esigenze che devono essere soddisfatte per essere efficienti: la macchina fornisce energia abbondante ma rende schiavi i suoi sostenitori. Inoltre, la tecnologia ha conseguenze impreviste sotto forma di ripercussioni potenzialmente devastanti. Alla luce delle attuali paure in questa direzione, non è necessario soffermarsi sull'argomento. Infine, la tecnologia, è solo una delle altre possibili scelte. La comprensione di questi fattori negativi porta a un'ideologia anti-tecnologica che può essere chiamata Epimetismo, nel senso che Epimeteo è l'antitesi di suo fratello Prometeo. L'epimetismo denuncia instancabilmente i pericoli e i limiti della tecnologia. È il primo esempio di ideologia reazionaria nel vero senso della parola, vale a dire che è un'ideologia non basata esclusivamente sui suoi meriti ma che trae la sua forza dalla reazione a un'ideologia che rifiuta. Lo scientismo è anche un'ideologia del potere accompagnata da una sua specifica reazione che è lo spiritismo. Altre espressioni della volontà di potenza sono tratte in modo meno chiaro.

Poco dopo, l'autore menziona di nuovo Prometeismo nella sua relazione con il volontarismo:

Il collettivismo si raggiunge dolorosamente attraverso la coesistenza di popolazioni radicalmente diverse. Lo statismo implica nella sua stessa logica una crescita continua fino a quando l'intera umanità viene assorbita. Infine, il volontarismo ha il suo lato prometeico, che respinge necessariamente tutti i limiti all'espansione tecnologica ed economica. Il socialismo, per i suoi stessi principi, non può essere autarchico poiché mira all'abbondanza”.

In un precedente passaggio, Jean Baechler scrive, in relazione a quella che ha chiamato "illusione tecnologica":


L'illusione tecnologica che ha iniziato a mettere radici almeno dal tempo del Rinascimento ha trionfato in Occidente dal 18° secolo. Può essere definita come una convinzione nella natura artificiale delle società umane e dell'esistenza umana. La materia umana è quindi un materia primaria con la quale possiamo fare ciò che riteniamo opportuno. Possiamo migliorarla e inaugurare uno stato di perfezione e felicità. Questa convinzione di base deriva da un'ossessione per il progresso e per la natura strumentale delle scoperte e ha due aspetti principali. Uno di questi implica che tutta la ricerca e la scoperta devono portare a conseguenze pratiche che garantiscono la felicità collettiva. L'altro presuppone che tutti i problemi possano essere risolti razionalmente - e quindi perfettamente - purché siano chiaramente indicati. I problemi sociali come i problemi scientifici e tecnici hanno solo una soluzione corretta. Tutti gli altri hanno torto e sono il risultato di ignoranza, stupidità o malizia. L'illusione tecnologica dell'Illuminismo non è scomparsa ma piuttosto è stata applicata a campi sempre più ampi. Quando l'opinione pubblica viene a conoscenza delle conseguenze negative di determinati atti criminali, di droghe o di inquinamento, gli specialisti invariabilmente si fanno avanti per isolare il problema, elencarne le cause, proporre soluzioni radicali e quindi non riuscire a risolverlo regolarmente. Studiosi seri sono convinti che la violenza nelle relazioni internazionali possa essere eliminata dalla scienza e dalla buona volontà”.

È estremamente difficile, se non impossibile, convincere gli uomini abituati a combattere l'ignoranza e l'errore nelle loro attività specifiche che il male non è né il risultato dell'ignoranza o dell'errore, ma che è un fattore costante dell'esistenza umana. La guerra non nasce dall'ignoranza, dalla stupidità o dalla malvagità, è una possibilità intrinseca nei rapporti tra entità politiche sovrane. Non esiste una soluzione razionale alla condivisione di potere, ricchezza o prestigio più di quanto non esista una soluzione razionale al problema delle istituzioni e dei valori. Queste aree sono in balia del capriccio e della passione e non sono soggette alla razionalità tecnica e scientifica. Questa è una verità crudele che gli scienziati e i tecnologi troveranno sempre difficile accettare. È probabile che la comprensione umana sia vittima di una propensione naturale a superare la propria capacità e mirare alla totalità. Dal punto di vista psicologico, la comprensione razionale ha lo stesso obiettivo della mitologia, della religione o dell'etica. Vuole dare all'uomo un'interpretazione della sua esistenza che gli consentirebbe di superare il suo innato senso di insicurezza. Abbiamo visto che, per sua stessa natura, la ragione non poteva fornire certe certezze. È solo nell'ideologia che la scienza può dare l'illusione della conoscenza assoluta.

Sebbene Baechler e io apparteniamo a scuole e temperamenti diversi, le idee di Baechler sono comunque preziose. Questa lunga digressione da Epitteto a Baechler è stata essenziale per apprezzare le mie risposte. Conoscendo le mie scelte sarai in grado di capirmi personalmente.

L'attuale crisi nella società americana sta assumendo proporzioni allarmanti: droghe, delinquenza, violenza continua. La vostra società è un fallimento spettacolare. So che state lottando valorosamente contro questa società patogena. Apprezzo molto la posizione che state assumendo contro la droga, l'alcolismo, il fumo e contro il modo in cui l'omosessualità (una malattia) viene trasformata in una questione politica.

Come voi, Hitler si è opposto al fumo e all'alcolismo. Nel regime nazionalsocialista i tossicodipendenti non ricevevano cure, venivano eliminati. Questo è il modo giusto di affrontare una situazione del genere. Per quanto riguarda gli omosessuali, se fossero stati scoperti nelle SS, sarebbero stati fucilati. Nella divisione SS Wallonia due furono fucilati. I casi di omosessualità erano molto rari, estremamente. Anche sotto Stalin i tossicodipendenti sono finiti con un proiettile nella parte posteriore del collo.

So allo stesso tempo che esiste un'America sana. Ho visitato il vostro paese molte volte. Come puoi ben immaginare, mi sono mosso negli ambienti della classe media e dell'università - l'America pacifica, per così dire. Ma anche lì stavano iniziando ad apparire alcune crepe, ad esempio l'assenza dell'autorità del padre nella maggior parte delle famiglie più onorevoli. La società popolare americana con la sua natura patologica è la normale e inevitabile conseguenza della frenetica ricerca del successo definita in termini di guadagno finanziario.

La pornografia è un enorme mercato commerciale. Se vuoi una prova, visita il quartiere a luci rosse di Amburgo. C'era una grande quantità di denaro da guadagnare nella “liberazione” della donna e nella “liberazione” dell'omosessuale. I valori della società americana sono integrati in una mentalità “Get More” (Prendi di più). È iniziato con bestiame, grano, acciaio, ferrovie, petrolio. Poi, più tardi, sono arrivati ​​lo sfruttamento, la deviazione sessuale e una dipendenza ludica. Vi è una costante “festa” e “ricerca del piacere”.

Da un lato c'è una società che rifiuta di rinunciare a qualsiasi tipo di “piacere” disponibile; che deve assaggiare tutte le forme di “piacere”, dall'adulterio settimanale alla cocaina. D'altra parte è una società che nella sua ricerca del guadagno finanziario, la mentalità "Prendi di più", sfrutta commercialmente questa propensione alla ricerca del piacere.

In contrasto con la mentalità "Get More" è l'approccio "Be More". Raramente si incontra nell'uomo comune un ardente desiderio di "essere più". In effetti, ciò che molti uomini praticano è la ricerca di “apparire più” di quello che sono. Un aspetto pretenzioso della virtù è all'ordine del giorno, ma raramente si trova la vera padronanza di sé.

L'americano possiede almeno una virtù: quella di avere uomini capaci di analizzare la propria società. In questo momento, penso che possa essere d'aiuto citare Vance Packard. All'inizio del suo libro “The Naked Society” l'autore scrive:

Oggi, come vedremo, la Carta dei diritti è sotto assalto da molte direzioni. Il voto di Thomas Jefferson che giura l'eterna ostilità nei confronti di ogni forma di tirannia sulla mente dell'uomo ha suscitato un singolare squillo nel 1964. Aldous Huxley ha commentato che il classico grido di Patrick Henry che voleva la libertà o la morte ora sembra melodrammatico. Invece oggi, sosteneva Huxley, siamo più propensi a chiedere: "Dammi la televisione e gli hamburger, ma non disturbarmi con le responsabilità della libertà".

Vale la pena notare che il libro profetico di Mr. Huxley, Brave New World, scritto negli anni '30 su una società tecnologica (ambientata fra sei secoli) che vive in una felicità drogata sotto un vigile tiranno, è stato bandito da diverse scuole negli Stati Uniti. Tra i libri banditi c'è anche il 1984 di George Orwell, che raffigura la vita sotto i sempre presenti occhio e orecchio elettronici di un Grande Fratello tirannico.[..] Quando al commissario alla Pubblica Istruzione degli Stati Uniti è stato chiesto della messa al bando di questi due classici di una scuola superiore di Miami, ha rifiutato di commentare perché ha detto di non aver mai sentito parlare di nessuno dei libri.

La società patologica può essere facilmente corretta. Dipende puramente dal potere politico e dalla sua volontà. La Berlino del 1932 sembrava un pozzo nero per tossicodipendenti e omosessuali. Ma la Berlino del 1934 era pulita e sana. Domani, l'Europa, attualmente malata a causa del "consumismo americano" e della "società patogena americana", utilizzerà la stessa ricetta, quella del 1933 berlinese. Va aggiunto che, in parallelo con la repressione del vizio, anche il giovane regime nazionalsocialista ha assunto la formazione della gioventù. Nella Gioventù Hitleriana non c'erano tossicodipendenti, omosessuali, ladri o stupratori.

L'infanzia e l'adolescenza devono essere sorvegliate. Il vostro sistema familiare del "lasciare che i bambini facciano le loro cose" è un enorme errore psicopedagogico. Il tempo per il libero esame e la libera scelta deve arrivare molto più tardi nella vita dell'individuo. La società ha bisogno di nuove regole di condotta. Non le troveremo nel passato. Le opere scientifiche sul funzionamento del cervello umano negli ultimi 30 anni sono ricche di potenzialità per stabilire una nuova moralità stoica. Immagino che tu abbia familiarità con le straordinarie opere dell'americano P. D. MacLean sul funzionamento dei nostri tre cervelli sovrapposti. Un funzionamento tutt'altro che perfetto. In effetti, fisiologicamente non c'è sufficiente coordinamento tra l'archi-corteccia e la neo-corteccia, la prima che produce (o influenza) il comportamento emotivo e la seconda che guida il comportamento intellettuale e razionale.

Prima di leggere MacLean, il cui lavoro è scritto per gli specialisti, leggi cosa dice Arthur Koestler su MacLean e i tre cervelli in “The Ghost In The Machine”. È un eccellente lavoro di divulgazione scientifica. Leggendo MacLean e Konrad Lorenz - e molti altri - si può costruire una morale per la società attraverso l'educazione dei giovani.

Tra i 12 e 18 anni, ai giovani devono essere mostrati tutti i meccanismi del comportamento umano: pulsioni alimentari, pulsioni sessuali, pulsioni aggressive, pulsioni dei genitori (per usare la terminologia di Pavlov e Tchakotine). Dentro di noi c'è un animale da domare. La nostra neo-corteccia è in grado di comprendere e ammettere la necessità di questo. È ridicolo voler negare il desiderio sessuale - eppure questo è stato l'atteggiamento delle religioni tradizionali per 3000 anni. Questo impulso non deve essere negato, piuttosto è importante descriverlo e spiegare la necessità per una società di non trasformare il consumo sessuale eccessivo in una regola, un bisogno di base o, di fatto, in un "diritto" (cfr. vedi gli omosessualmente malati). Né deve essere negata la spinta aggressiva, ma deve essere disciplinata, incanalata e sublimata.

Nel mio futuro lavoro (1988 o 1989) - di cui esiste già una sinossi, descriverò una moralità neocorticale, intesa per un homonovus, nel contesto di un totalitarismo illuminato.

In conclusione alla domanda 13, voglio dire che tutti dobbiamo perseguire insieme valori culturali e morali che possono essere utilizzati da tutto il pianeta. Facciamo in modo che Epitteto segua i corsi da MacLean e Marco Aurelio segua i corsi di Konrad Lorenz (dopo essersi rasato la barba).

Un'ultima parola sui problemi della delinquenza e del crimine nella società americana. Vorrei citare una buona fonte abbastanza recente: “The American Way Of Crime” di Franck Browning e John Gerassi.

Queste domande sono state sottoposte a Jean Thiriart il 21 gennaio 1987 da un gruppo di giornalisti americani della rivista “The Plain Truth” guidati da Gene H. Hogberg. Prima effettuarono un’intervista televisiva che fu poi precisata con le risposte che vi presentiamo.


Nessun commento:

Posta un commento