giovedì 30 luglio 2020

Intervista al maestro Jean Thiriart / Domanda 4 (Geopolitica dei mari)

Thiriart, intervista, geopolitica, europa nazione, Urss, Usa, Roma, Cartagine
DOMANDA 4

L'Unione Sovietica non è più solo una potenza terrestre. "L'orso ha imparato a nuotare", avendo sviluppato una marina oceanica grazie all'ammiraglio Gorshkov. Qual è il significato del potere navale sovietico se l'Europa e l'Unione Sovietica dovessero allearsi più strettamente in futuro?

Risposta 

L'interesse della Russia per la Marina è iniziato con Pietro il Grande. In gioventù, ha giocato con una piccola barca a vela. Più tardi, da adulto e dopo essere diventato zar, trascorse del tempo in Olanda imparando a conoscere la costruzione navale. All'epoca, l'Olanda aveva la seconda più grande marina al mondo. Nel mondo di oggi, la flotta sovietica è ancora svantaggiata perché purtroppo manca di una rete di buona qualità di basi navali. Ricorda che la flotta britannica era sostenuta da un'estremità all'altra del Mediterraneo dalle basi navali di Gibilterra, Malta e Cipro, e la flotta veneziana aveva basi sulla costa dalmata, così come a Creta e in Grecia. La flotta sovietica oggi si trova in una posizione simile a quella di Guglielmo II nel 1914; con una dolorosa assenza di una rete mondiale di basi di sostegno del territorio. Nel 1939 la flotta sottomarina tedesca era totalmente impreparata alla guerra. Non divenne efficace fino all'inizio del 1942, ma era troppo tardi.


L'URSS non sta commettendo lo stesso errore. È in uno stato di costante disponibilità con la sua flotta sottomarina. Le portaerei di oggi valgono poco più degli incrociatori da battaglia del 1941-42 nel Pacifico. L'ammiraglio Rickover, il creatore del sottomarino a propulsione nucleare, dichiarò al momento del suo ritiro nel 1982: tutte le portaerei americane sarebbero durate circa due giorni se fosse scoppiata la guerra. Anche così, i sottomarini sovietici dovrebbero comunque avere un facile accesso in alto mare. Questo non è il caso al momento a causa della rete di basi NATO che si estende da Narvik a Istanbul. In materia di strategia navale, occorre fare una chiara distinzione tra guerra fredda e guerra calda. In tempi di guerra fredda, la presenza visibile della Marina sovietica gioca un ruolo importante nel mondo. È uno strumento politico.

Ma in una guerra calda, la flotta di superficie sovietica non avrà alcun ruolo da svolgere. La sola forza sottomarina sarà efficace, a condizione che sia in grado di lasciare le sue acque settentrionali e di sfuggire alle grinfie del Mar Nero e del Mar Baltico. In una guerra calda, la potenza navale dell'Occidente (gli Stati Uniti con i suoi lacchè giapponesi, inglesi e tedeschi) si ridurrebbe a qualche cosa di scarsa importanza per quanto riguarda la sua marina mercantile. Il Giappone verrebbe immediatamente tagliato fuori e quasi istantaneamente la sua potenza industriale smetterebbe di contribuire al potere militare degli Stati Uniti.

Come puoi vedere, ci sono due strategie opposte e contraddittorie che si applicano ugualmente bene sia ai sovietici che agli americani: ciò che è vero in tempi di guerra fredda cessa di esserlo in una guerra calda e viceversa. La storia e la scienza militare ci forniscono un gran numero di scenari che potrebbero essere facilmente elencati. Tuttavia, solo uno verrà giocato in un determinato momento e luogo. Nel 1981 ho considerato la possibilità che la sesta flotta venisse messa sotto pressione dalle forze terrestri di Spagna e Marocco a seguito di un'insurrezione. Essenziale in questo scenario era la destabilizzazione del regime del re del Marocco - un'ipotesi sostenibile in vista della diffusione della militanza islamica. Con forze terrestri minime, la base di Rota (vicino a Cadice) potrebbe anche essere resa indifendibile e inabitabile.

Ma il contrattacco americano a tali minacce è una possibilità praticabile più o meno ovunque nel mondo. Gli Stati Uniti hanno un arsenale di marionette lungo tutto lo spettro politico, che va dall'estrema destra in Cile alla sinistra socialista a Madrid. Due dei miei giovani discepoli, Luc Michel e Cuadrado, hanno pubblicato un eccellente opuscolo sui "comunisti di Washington" (in Italia e in Spagna). Washington è piuttosto promiscua nella scelta dei burattini.

Una pratica strategia navale non è possibile in un periodo di guerra calda. La flotta russa non sarà più lontana della flotta di von Tirpitz. L'intero quadro cambia se l'Europa occidentale si dirige verso il campo sovietico, sia a seguito della conquista o attraverso una combinazione di associazione e fusione (che è ciò che spero di vedere accadere). La strategia navale dell'URSS è possibile solo allargando l'attuale dimensione geografica nella dimensione euro-sovietica - fino a Dublino.

Ciò trasformerebbe il Mediterraneo in un lago. In tal caso, ci sarebbero molte attività tra Senegal e Brasile. Guarda la mappa e confronta le distanze. Non dimenticare che il Canale di Panama perde qualsiasi valore in una guerra calda a causa di missili a lungo raggio con precisione puntuale o anche con missili a raggio intermedio. Panama fu la profonda preoccupazione dello stato maggiore americano nel 1938-40. Combatterete la prossima guerra senza il Canale. La zona del canale sarà vetrificata dall'inizio. La strategia navale è fondamentale per la soluzione finale tra un blocco euro-sovietico e gli Stati Uniti. A questo proposito, gli Stati Uniti saranno handicappati dall'estrema lunghezza delle sue linee di comunicazione marittime. Soprattutto nel Pacifico.

Molti non sono consapevoli del fatto che fu in mare che Roma alla fine distrusse Cartagine. Lo storico francese Leon Homo scrisse nel 1941: “Roma (tradizionalmente una nazione di terra poco affine al mare) doveva distruggere Cartagine da sola diventando una grande potenza marittima e acquisendo padronanza dei mari”. Nella battaglia di Milazzo, del 260 a.C., i famosi "Corvi di Duilio" terrorizzarono i cartaginesi. Poi, nel 256 a.C., venne la battaglia di Capo Ecnomo a sud-est di Agrigento, in Sicilia. Roma aveva portato 130 navi e 40.000 legionari sotto gli ordini dei consoli Atilio Regolo e Manlio Vulsone.

Dici che l'orso ha imparato a nuotare ed è vero. Anche la lupa ha imparato a nuotare ventidue secoli fa. Ma prima di distruggere Cartagine, Roma dovette conquistare Corsica, Sardegna e Sicilia. Oggi la Sicilia è l'intera Europa occidentale.

Concluderò la mia risposta esprimendo la mia opinione personale in merito:

a) Senza l'Europa occidentale, l'URSS diventerà un potere di seconda classe entro il 2025.

b) Tutto dovrà finalmente essere deciso in mare. La terra non può essere conquistata senza l'oceano.

Queste domande sono state sottoposte a Jean Thiriart il 21 gennaio 1987 da un gruppo di giornalisti americani della rivista “The Plain Truth” guidati da Gene H. Hogberg. Prima effettuarono un’intervista televisiva che fu poi precisata con le risposte che vi presentiamo.

Nessun commento:

Posta un commento