sabato 12 settembre 2020

L'ALTERNATIVA NAZIONAL-COMUNISTA (Luc Michel) / Parte 2

Nazional comunista, Luc Michel, Strasser, Niekisch, Comunitarismo, Thiriart, Manifesto

Bolscevismo nazionale e fascismo.


È necessario ricordare le relazioni esistenti tra nazional-bolscevismo e fascismo, entrambi nati nello stesso periodo storico. Respingiamo in modo determinato la storiografia marxista che, essenzialmente per ragioni tattiche e poi propagandistiche, all'inizio degli anni '20 denunciava il fascismo come ideologia borghese e reazionaria.

È certo che il fascismo, proprio come il nazionalismo rivoluzionario, il nazional-bolscevismo o il marxista-leninismo, appartiene alla scuola socialista. In particolare è nato come il leninismo, dalle correnti blanquiste del XIX secolo.

Il fascismo nacque nella sinistra con Mussolini e sotto l'influenza di Georges Sorel. Era, infatti, il risultato di una revisione marxista e socialista; al che il ruolo svolto dalla classe lavoratrice nella lotta di classe fu sostituito dalla nazione. Questa sarebbe, d'altra parte, la strada tipica che ha portato dal socialismo al fascismo negli anni Trenta e quella che hanno seguito anche Marcel Deat e H. De Man.

Non è necessario cadere in analisi sommarie sul fascismo, che solitamente tendono a relegarlo come movimento di estrema destra. In particolare, non bisogna lasciarsi ingannare dal recupero della simbologia fascista operato da certi movimenti reazionari di estrema destra. Mi viene in mente l'esempio della Spagna di Francisco Franco. Prima della guerra civile del 1936-39, la falange spagnola di José Antonio Primo de Rivera era qualificata dalla destra spagnola come "bolscevismo da destra". Una volta terminata la guerra civile, il franchismo reazionario di destra si è appropriato della Falange lasciando Jose Antonio a morire sotto i proiettili di un plotone di esecuzione repubblicano.

I resti della Falange, dopo aver svuotato il suo contenuto rivoluzionario e sociale, si sono ridotti a un gruppo di mero decoro esterno. Servivano solo come scusa per un regime reazionario che dipendeva principalmente dalla Chiesa e dall'esercito.

D'altra parte, il fascismo differisce fondamentalmente dal nazional-bolscevismo. Anche se i due sono un'alleanza tra un'ideologia sociale e una nazionale, la loro differenza fondamentale sta nel loro rapporto con il marxismo. Per il movimento fascista, il marxismo è un rivale sulla strada della rivoluzione. Quindi è necessario neutralizzarlo e abbatterlo; da qui l'importanza data all'anticomunismo all'interno dell'ideologia fascista. Per il nazional-bolscevismo, al contrario, il marxismo o il comunismo non sono rivali, sono almeno alleati e nel migliore dei casi tendenze necessarie per integrarsi in un movimento unitario. Questo è il senso profondo della fusione nazional-comunista che vuole realizzare il nazional-bolscevismo. Questo è il viaggio politico e dottrinale nazional-bolscevico e nazional-comunista, com'era negli anni '20 e '30, come è oggi.


Bolscevismo nazionale e socialismo nazionale: due opposizioni insuperabili


Va ricordato il rapporto tra nazional-bolscevismo e nazionalsocialismo, poiché entrambi nacquero nella Germania di Weimar all'inizio degli anni venti.

Quanto abbiamo detto sui rapporti tra fascismo e nazional-bolscevismo vale anche in questo caso.

Bisogna anche fare riferimento alla classica distinzione operata dallo storico italiano Renzo de Felice (42) che colloca le origini del fascismo italiano a sinistra e quelle del nazionalsocialismo tedesco a destra. Questi due movimenti hanno iniziato la loro strada da due lati diversi, solo per arrivare a una soluzione simile: la realizzazione di un'ideologia di tipo socialista e nazionale.

Il segno lasciato all'estrema destra dal nazionalsocialismo è innegabile, specialmente quando si esamina il suo contenuto razzista. È chiaro che le fondamenta del pensiero di estrema destra del movimento pangermanista e razzista del XIX secolo sono presenti sin dall'inizio nel cuore del nazionalsocialismo. Questi sono ciò che segnano la profonda divergenza tra nazional-bolscevismo e nazional-socialismo. Questa pratica razzista che consiste, in particolare, nel rifiuto del mondo slavo e nella visione dell'Europa orientale solo come territorio vitale per l'espansione germanica, poneva ovviamente nazionalsocialismo e nazional-bolscevismo su due fronti completamente opposti.

Dopo l'avvento del Terzo Reich, i nazional-bolscevichi si pronunciarono chiaramente in opposizione al nazionalsocialismo. La maggior parte di loro fu perseguitata e catturata. Wolffheim sarebbe morto in un campo di concentramento, mentre Niekisch ne sarebbe emerso in condizioni dolorose nel 1945. Sotto il Terzo Reich, i nazional-bolscevichi erano in dichiarata opposizione al regime.

Furono loro, in particolare, a sostenere la rete di spionaggio sovietica, chiamata impropriamente "Orchestra Rossa", appellativo che si riferiva a coloro che non erano comunisti ma nazional-bolscevichi.

Alcuni nazional-bolscevichi si sono fatti uno spazio nel Terzo Reich e hanno continuato a difendere, secondo la misura delle loro possibilità, la teoria di un'apertura ad est. Sarebbe il caso particolare del Bund Front, diretto ad Amburgo dal dottor Hessemaier, di cui abbiamo già parlato.

Questo è stato il caso, soprattutto, di Joseph Goebbels, ex militante nazional-bolscevico che avrebbe guardato al movimento socialista e avrebbe pensato di portare avanti l'imminente rivoluzione sociale. Durante il Terzo Reich, il dottor Goebbels mantenne forti simpatie verso l'URSS e alla fine della guerra, quando la maggior parte dei leader tedeschi tentò una pace separata con gli anglosassoni per seguire la guerra a est, Goebbels tentò di lavorare in senso opposto. A proposito, non si può non menzionare parole sorprendenti, estratte dal suo diario nel 1925: “nessuno zar ha mai capito il popolo russo come Lenin. Ha dato ai cittadini russi quello che ha sempre visto nel bolscevismo: libertà e proprietà”(43). Successivamente ha aggiunto: “un legame con l'occidente significa arrendersi per sempre. Restiamo quindi al fianco della Russia come partner alla pari nella lotta per la libertà ”(44).


Marxismo-Leninismo e Nazional-Bolscevismo


Bisogna anche ricordare il rapporto tra marxismo-leninismo, come ideologia politica, e nazional-bolscevismo.

Se i leader comunisti hanno mostrato, come ha fatto Karl Radek, il loro interesse per il nazional-bolscevismo, la scuola ufficiale marxista-leninista ha respinto questa tendenza. Nel 1919, gli Spartani, la corrente ufficiale rappresentata nella Prima Internazionale, iniziarono a espellere i nazional-bolscevichi dalle loro file. Questa fu l'origine della divisione all'interno del K.A.P.D., di cui si parlava già a proposito del gruppo di Amburgo di Laufenberg e Wolffheim. Dopo il 1920, queste persone furono tutte escluse dal loro partito, il K.A.P.D. Da allora in poi, fino all'inizio degli anni Trenta, il nazional-bolscevismo in Germania diventerà solo una tendenza riservata al campo nazionalista.

La scuola marxista-leninista era (e sarà sempre) estremamente maldisposta verso il nazional-bolscevismo. senza dubbio lo considerava un punto mancante nella sua stessa dottrina.

Il Comintern, l'Internazionale comunista allora diretta da Lenin, sviluppò due diverse tattiche riguardo alla rivoluzione mondiale. Per i paesi sviluppati, doveva lanciare una rivoluzione di tipo sovietico da parte delle forze proletarie. Al contrario, per i paesi colonizzati o semicolonizzati, che oggi chiameremmo in via di sviluppo, la Prima Internazionale e lo stesso Lenin svilupparono una strategia di tipo nazional-rivoluzionaria o nazional-comunista. Si trattava di tentare di creare un'unità tra rivoluzionari nazionalisti e comunisti. Mao a sua volta avrebbe dato a questa teoria il suo pieno sviluppo e avrebbe creato per essa una posterità storica inaspettata.

La Germania degli anni venti, un paese sviluppato e capitalista, evidentemente non poteva entrare in questa categoria leninista.

Molteplici sono anche le posizioni dei primi nazional-bolscevichi rispetto al confronto con il comunismo. Il nazional-comunismo di Amburgo, ad esempio, rappresenta un'autentica coalizione tra i valori nazionalisti e l'ideologia leninista. I nazional-bolscevichi originati in altre atmosfere, come Niekisch, ad esempio, avrebbero sviluppato tendenze politiche per un'unione dei rivoluzionari nazionalisti e comunisti con l’unico obiettivo di contrastare la Repubblica di Weimar. In relazione alla politica estera favorirono un'unione tra Germania e Unione Sovietica contro le potenze dell'Intesa per vendicare e portare alla rinascita della patria tedesca.

Sarà necessario parlare della corrente del professor Friedrich Lenz, e della sua rivista "Der Vorkampfer", per poter assistere alla ricomparsa di un autentico nazional-comunismo. Infatti, tra il 1930 e il 1933, il professor Lenz sviluppò una sintesi originale che avrebbe fuso ideologia marxista e nazionalista. Partendo dai concetti marxisti, sviluppò un'interessante teoria economica che ebbe origine dalle teorie di Marx e da quelle di Friederich List, il grande teorico tedesco del "nazionalismo economico".

In particolare, scrive Lenz: “Abbiamo come obiettivo, come dice Hegel, sigillare i nostri tempi mediante il pensiero, in modo da acquisire la conoscenza delle basi sistematiche. Vale a dire, a partire dalla teoria, in modo da avere la capacità di ordinare politicamente le contraddizioni sociali. In questa sintesi, Hegel sarà integrato da Lenin e List da Marx. Nessuna analisi delle trasformazioni strutturali internazionali può sfuggire a tali guide ”(45).

Questo è, dopo il lavoro del gruppo di Amburgo negli anni 20, un tipico esempio di coalizione tra marxismo e nazionalismo rivoluzionario. Riguardo alle teorie di Marx, Lenz ha affermato in particolare che "la sua analisi scientifica della realtà economica è anche un'arma indispensabile per il nazionalismo" (46).

Pertanto, si distinguono due tendenze divergenti, riguardo al marxismo-leninismo, nel cuore di quella che comunemente si chiama corrente nazional-bolscevica.

Da un lato, una tendenza vede in esso nient'altro che un alleato tattico. Tale è stato il cuore del dibattito tra intellettuali di estrema destra e comunisti negli anni Venti, come è ancora oggi. Questi intellettuali di estrema destra rimasero, tuttavia, fondamentalmente contrari al marxismo.

La seconda tendenza, evidente nel gruppo di Wolffheim e Laufenberg così come in quello del professor Lenz, tenta una coalizione dottrinale usando concetti comuni sia dell'ideologia nazionalista che del marxista-leninismo.

Le opere dottrinali di Jean Thiriart dei primi anni Ottanta e quelle sviluppate nello stesso periodo dal P.C.N., assumono quest'ultima tendenza. A tal fine, questo partito presenta il comunitarismo come una "ideologia di sintesi che vuole fondere ideologie marxiste-leniniste e nazional-rivoluzionarie in una sintesi di offensiva dottrinale: il socialismo del XXI secolo" (47).


La Rivoluzione Conservatrice e il Bolscevismo Nazionale


La relazione tra la rivoluzione conservatrice e il nazional-bolscevismo dovrebbe essere chiarita.

Il termine Rivoluzione Conservatrice, infatti, è designato a una corrente politica presente nella Germania di Weimar; si chiamava così per lo studio che Armin Mohler le consacrò nel 1950 (48). L'espressione era stata usata in precedenza da Arthur Moeller Van Den Bruck, un teorico dell'epoca.

Nella sua tesi sul nazional-bolscevismo, il professor Louis Dupeux dedica un'ampia sezione all'analisi dei rapporti tra questa corrente e la rivoluzione conservatrice, che ha qualificato come "sostegno ideologico del nazional-bolscevismo" (49). Questa è la principale critica che si può fare al suo lavoro. Per il professor Dupeux, il nazional-bolscevismo è una tendenza radicale derivata dalla rivoluzione conservatrice. Questa relazione si stabilisce in base a una serie di convergenze nei simboli e nel vocabolario comune presenti in entrambe le tendenze. Tuttavia questa assimilazione è completamente inadeguata.

Infatti, la Rivoluzione conservatrice, in cui troveremo il pensiero di Moeller Van Den Bruck (50) o di Spengler (51) in primo piano, si basa principalmente su un rifiuto fondamentale del bolscevismo e in una visione romantica e idealizzata del un'età dell'oro passata. 

Questa, inoltre, è la caratteristica dei movimenti più conservatori in Europa e in particolare in Francia.

Al contrario, il nazional-bolscevismo non è solo un'ideologia rivoluzionaria che cerca un'alleanza o una coalizione dottrinale con il bolscevismo, ma piuttosto le tesi nazional-bolsceviche sono sorprendentemente aggiornate (non guardano mai al passato), siano esse le tesi in favore di un'economia autarchica dei grandi spazi, dell'economia di potenza, della definizione dello Stato o a favore della glorificazione tecnocratica.

Pertanto, la questione della convergenza del vocabolario o delle relazioni tra gli individui, non dovrebbe trarci in inganno. Ad esempio, il fatto che sia socialdemocratici che bolscevichi si riferiscano al marxismo, non significa che entrambi appartengano a un'unica scuola politica.

D'altra parte, smettiamo di guardare alle posizioni attuali degli eredi del nazional-bolscevismo e di quelli della rivoluzione conservatrice. Oggi, le principali correnti nazional-comuniste in Europa si definiscono nemiche dichiarate dell'estrema destra conservatrice. Lo fanno in modo espressivo, originando dalle stesse posizioni dei loro predecessori negli anni '20 e '30 (52).


Nazionalismo rivoluzionario e Bolscevismo nazionale: due correnti di una stessa famiglia


È anche indispensabile specificare le relazioni tra nazionalismo rivoluzionario e nazional-bolscevismo. Il nazionalismo rivoluzionario, era un'importante corrente politica presente nella maggior parte dei paesi europei durante gli anni venti. Nella Germania di Weimar, e in particolare con i fratelli Junger e il loro “neo-nazionalismo”, ha rappresentato una corrente intellettuale e politica di grande risonanza.

Il nazional-bolscevismo dovrebbe trovarsi al tempo stesso dentro e fuori questa corrente, della quale rappresenta l'espressione più rivoluzionaria. D'altra parte, è stato il nazional-comunista Laufenberg che ha usato per la prima volta l'espressione di "nazionalismo rivoluzionario": "All'interno del Partito nazionale tedesco inizia la separazione degli strati di intelligenza più attivamente idealisti, che sono sempre stati i paladini dell'idea nazionale e la cui avanguardia riconosce oggi in condizioni generali che gli attuali obiettivi nazionali possono essere raggiunti solo con mezzi rivoluzionari. Così i lavoratori intellettuali sono attratti dai movimenti comunisti ... Il movimento nazional-rivoluzionario e il movimento social-rivoluzionario sono ridotti l'uno all'altro; non hanno un'organizzazione comune, ma il loro incontro politico si svolge nella pratica”(53) .

Oggigiorno, queste due correnti politiche sono sempre strettamente legate l'una all'altra. Gli attuali nazional-comunisti si sono inseriti nel campo nazional-rivoluzionario. Questa è, ad esempio, la strada scelta dalla Nouvelle Resistance in Francia, dal National-Bolshevik Front in Russia, Orion in Italia e Alternativa Europea in Spagna, che si presentano apertamente come sintesi tra ideologie nazional-comuniste e ideologie nazional-rivoluzionarie.

Sarebbe anche conveniente specificare la relazione tra queste due correnti. Il nazional-comunismo è, infatti, uno sviluppo radicale e ultra-rivoluzionario del nazionalismo rivoluzionario stesso. Il nazionalismo rivoluzionario mantiene certe apprensioni nel suo rapporto con il marxista-leninismo, che considera nel migliore dei casi come un semplice alleato.

Il nazional-comunismo porta avanti una coalizione offensiva tra due correnti ideologiche in una sintesi dinamica.


Bolscevismo nazionale e "nazismo di sinistra"


Bisogna necessariamente analizzare quello che è stato chiamato "nazismo di sinistra", le cui figure più eminenti furono i fratelli Otto e Gregor Strasser, rappresentanti dell'ala socialista e rivoluzionaria del movimento nazionalsocialista. Questi due si erano opposti a Hitler dall'inizio del movimento. Gregor fu assassinato durante l'epurazione del 30 luglio 1934 (la celebre "notte dei lunghi coltelli") mentre suo fratello Otto avrebbe continuato a incoraggiare un movimento di sinistra nazionalsocialista per resistere al regime di Hitler, lo "Schwarze Front" (Fronte nero) (54).

All'inizio degli anni sessanta, questione che interessa maggiormente questo studio, Otto Strasser, conquistato alla causa unitaria europea (55), concederà due interviste per le riviste di Jeune Europe verso la quale manifestò le proprie simpatie (56).

Tuttavia, il nazismo di sinistra non faceva parte della corrente nazional-bolscevica. Questa corrente dimostrò il suo desiderio di un'apertura ad est e si oppose a tutte le "crociate" contro l'URSS (in questo si oppose alla teoria hitleriana del "Drang nach Osten"); manifestò anche un notevole desiderio socialista. Ma la sua posizione rispetto al marxismo-leninismo lo allontana fondamentalmente dal nazional-bolscevismo. In realtà, gli strasseriani nazionalsocialisti vorrebbero allontanare le masse proletarie dal marxismo per portarlo nel campo nazionalsocialista. Non si tratta, quindi, di un'alleanza o di una fusione con i comunisti.

Il professor Dupeux ha scritto in questo senso: "Non è corretto assimilare Otto Strasser al nazional-bolscevismo come hanno fatto molti autori ai suoi tempi e oggi" e aggiunge: "Se la 'sinistra' nazionalsocialista dichiarava sinceramente di partecipare alla lotta di classe e cercava l'appoggio dei lavoratori, il suo obiettivo implicito era il consolidamento o meglio l'avvento delle classi medie”(57).

L'espulsione dei fratelli Strasser dal partito nazionalsocialista (N.S.D.A.P.) non impedirà a certi nazionalsocialisti di sinistra di prendere posto all'interno del partito. È il caso, in particolare, del dottor Goebbels, ex segretario di Gregor Strasser, che diventerà ministro della Propaganda e della cultura popolare, senza però rinunciare ai suoi orientamenti socialisti e rivoluzionari.


Né destra né sinistra: Il bolscevismo nazionale contro il sistema

Parlando di nazional-bolscevismo, il professor Dupeux ha scritto: "il nazional-bolscevismo è certamente la creazione più ambigua del vocabolario politico della Repubblica di Wiemar" (58).

I dubbi hanno assalito lo storico e il giornalista quando hanno cercato di caratterizzare le posizioni nazional-bolsceviche. "È l'estrema destra dell'estrema sinistra o dell'estrema sinistra dell'estrema destra?"

Nel 1960, il primo libro importante, scritto da Otto Ernst Schuddekop, che fu consacrato a questa realtà, si intitolava "Liben leute von rechts", tradotto grosso modo come "gente di sinistra della destra" (59). Un titolo che rivela tutta l'ambiguità del fenomeno quando si cerca di spiegarlo con le classiche categorie politiche dei regimi occidentali dell'epoca moderna. I nazional-bolscevichi sono fascisti di estrema sinistra o bolscevichi di estrema destra?

L'assurdità della domanda e le parole usate esemplificano chiaramente che le classificazioni politiche sinistra / destra sono completamente incapaci di riflettere la realtà delle ideologie rivoluzionarie e atipiche come quelle nazional-bolsceviche e nazional-comuniste.

Non si può non pensare alla celebre citazione del grande filosofo spagnolo Ortega y Gasset, spesso citata dai bolscevichi nazionali contemporanei: "Essere della sinistra è, come essere della destra, una delle infinite maniere che l'uomo può scegliere per essere imbecille: ambedue, in effetti, sono forme dell'emiplegia morale" (60).

Il nazional-bolscevismo o la "convergenza dei fini, passando da uno all'altro, la fusione dei rappresentanti di entrambi i fini" è un fenomeno incomprensibile per chi ragiona con le classifiche politiche classiche del regime, che si diffonde dall'estrema destra all'estrema sinistra, e dove destra e sinistra sono presentate come campi opposti e inflessibili. Fascismo, stalinismo, bolscevismo o estrema destra non possono mai incontrarsi e tutte le convergenze appaiono, agli occhi degli specialisti del “pretendente” conformista, come innaturali.

Lo scrittore polacco Malynske propone l'unione e il compromesso storico tra i fini e denuncia l'unione di interessi tra borghesia, burocrazia e partiti sindacalisti come una coincidenza: "i blocchi di estrema destra e di estrema sinistra dovrebbero sollevarsi contro questo blocco di insolenza democratica, rapacità finanziaria e dominio ”(61). Altrettanto accentua la "certa somiglianza profonda tra coloro che si definiscono estrema destra ed estrema sinistra, perché, per quanto strano possa sembrare, sembra che siano in realtà le due parti del campo sociale contemporaneo tra le quali, se non si guarda superficialmente, inflessibili gli non esistono interessi inconciliabili, né l'antitesi di aspirazioni. Al contrario, questa irriducibilità e queste antitesi esistono necessariamente tra queste due correnti e la borghesia ”(62).


Un precursore, Georges Sorel


Non si possono ricordare le diverse correnti nazional-bolsceviche o nazional-comuniste, siano esse degli anni Trenta o dell'epoca attuale, senza ricordare Georges Sorel, il grande teorico socialista e rivoluzionario del sindacalismo; pochi uomini hanno avuto un’influenza così importante, tanto da influenzare sia Lenin che Mussolini. (63).

Georges Sorel è una figura quasi unica all'interno del mondo intellettuale francese della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo.

Dal 1907, Georges Sorel, oppositore del regime democratico borghese e del sistema liberale dominante in Francia, sarà l'anima dell’avvicinamento tra coloro che nell'estrema destra e nell'estrema sinistra rifiutavano il sistema. Cioè un avvicinamento tra i nazionalisti, la cui figura emblematica era Maurice Barres, i monarchici di Charles Maurras, e i leader sindacalisti rivoluzionari che venivano dalla corrente blanquista di sinistra (64).


Attraverso le riviste, "Revue critique des idees et des livres" (1907), "La cite francaise" (1910) e successivamente "L'Independence" (1911-1913), Georges Sorel sarà l'artefice di un'importante agitazione intellettuale nella quale parteciperanno teorici maurrasiani del nazionalismo monarchico integrale, come il rivoluzionario nazionale Maurice Barres, pre-fascisti come Georges Valois, nonché numerosi sindacalisti e teorici dell'estrema sinistra, in particolare Eduard Berth e Daniel Halevy.

L'influenza e il clamore esercitati da Sorel in Europa furono spesso riconosciute in Lenin. Mussolini riconoscerà sempre il debito che doveva a questo grande teorico socialista. Veniva dal campo socialista rivoluzionario di inizio del secolo. Dopo la guerra, l'influenza di Georges Sorel si sarebbe fatta sentire anche nel movimento fascista francese di Georges Valois.

Ma soprattutto, le sue teorie trovarono un'importante continuazione nelle tendenze nazional-rivoluzionarie e nazional-bolsceviche che apparvero in Germania negli anni '20 e '30 (65).

Sorel ha teorizzato lo "sciopero generale" in cui ha visto i mezzi per demolire il regime borghese. Non si può non assimilare le sue concezioni a quelle dei nazional-comunisti Wolffheim e Laufenberg. Per questi l'azione parlamentare scomparirebbe di fronte a “scioperi di massa” capaci di costringere lo Stato borghese a ritirarsi progressivamente fino a quando il proletariato non eserciterà definitivamente la sua dittatura.

Georges Sorel non visse abbastanza da vedere gli effetti importanti della sua influenza dottrinale, sarebbe morto nel 1922 senza vedere lo sviluppo dell'URSS né la vittoria di Mussolini in Italia. Il giorno della sua morte, il governo bolscevico del nuovo Stato sovietico e lo Stato fascista italiano cercarono entrambi di farsi carico del suo funerale. Questa è l'immagine finale di un destino sorprendente che serve a mostrarci cosa rappresentano le nozioni "destra" e "sinistra" per un pensatore rivoluzionario.

In particolare Sorel fu, con Georges Valois, l’animatore del "Circolo Proudhon" che conteneva monarchici, sindacalisti nazionalisti e rivoluzionari.

Una strada che non può che ricordarci l'attuale opposizione patriottica russa formata da comunisti, rivoluzionari nazionalisti e monarchici russi. Particolarmente rilevante, a questo proposito, è l'edizione numero 1 della rivista "Elementy", di Alexander Dugin, che raffigura le tre bandiere dell'opposizione patriottica unita: la bandiera rossa comunista, la bandiera tricolore dei monarchici (66) con l'aquila bicefala e la bandiera nera dei rivoluzionari nazionali (67).



Dal conformismo all'insulto: l'attuale "dibattito" sulla stampa


Nell'introduzione di questo articolo abbiamo ricordato il fenomeno giornalistico provocato dal nazional-bolscevismo nell'estate del 1993.

Uno pseudodibattito sorse sui grandi giornali francesi, da "Liberation" (67), "Le Monde" (68), "Globe" (69) e "L'Evenement de Jeudi" (70) che poi si fece strada sui giornali di altri paesi come quelli di Belgio, Italia e Spagna (71).

Questo dibattito è nato da un regolamento dei conti interno al Partito Comunista Francese che si preparava alla successione al vertice con Georges Marchais. Una campagna stampa nata mesi prima in Germania è nata anche da un grande scandalo politico scaturito dall'incontro tra uno dei vicepresidenti del Partito socialista democratico, il P.D.S. (il nuovo nome del Partito Comunista Tedesco) e uno dei membri responsabili dell'offensiva nazionale, formazione classificata di estrema destra.

Riguardo a questo, i giornalisti tedeschi hanno parlato di nazional-bolscevismo e, in questo senso, hanno denunciato la "tentazione" che esiste in Germania. "Der Spiegel", in particolare, ha consacrato diversi articoli a questo argomento.

Questo dibattito tedesco ha trovato eco anche qualche settimana fa in occasione della pubblicazione di un articolo dal titolo "National-Bolchevisme, un spectre allemand” nel numero 87 della rivista "Les dossiers de l'Histoire" (72). Contrariamente agli articoli già citati, questo dossier rappresentava uno studio un po' più serio, avendo ovviamente attinto in buona parte dalla tesi del professor Louis Dupeux, senza mai citarla. L’articolo, tuttavia, manca di profondità storica poiché vede nel bolscevismo nazionale solo una tentazione e una realtà tedesca, sia negli anni '20 e '30 come oggi; Gli autori dell'articolo hanno visibilmente ignorato l'espansione del fenomeno nazional-bolscevico in Europa durante gli anni Sessanta e, in particolare, la realtà odierna in diversi paesi europei.

Lo pseudo dibattito condotto sulla stampa mainstream ha infatti solo un fine polemico (ovviamente per uso interno finale del Partito comunista francese, dove serve a un regolamento di conti tra fazioni opposte) riguardo la convergenza tra certi della nuova destra, come Alain De Benoist e gli intellettuali comunisti. Questi articoli "accusano" anche alcune riviste anticonformiste, come "Le Choc du Mois" o "L'Idiot International" pubblicate a Parigi dal coraggioso e talentuoso anticonformista Jean-Eden Hailler, (73 ) dove scrivono pensatori classificati sia come "comunisti" che come "estremisti di destra".

Che sia per ignoranza o per volontà censoria, i giornalisti che scrivono questi articoli evitano continuamente di parlare dell'altra realtà del fenomeno nazional-comunista, che si è visto]alla fine di questo XX secolo; vale a dire delle diverse realtà politiche come le organizzazioni integrate nel Fronte europeo di liberazione.

La maggior parte questi articoli senza dignità non merita il nostro spreco di tempo, poiché cadono facilmente in insulti e offese politiche.

In questo senso, è ancora necessario svelare la "perla". Nel settimanale "Globe" del luglio 1993, un certo Laurent Dispot indirizzava una lettera aperta a Georges Marchais, qualificandolo come "Messerschmit nazional-comunista" (74) e si rifugiava nella vecchia favola sul "partito dei fucilati" ”(L'autore ignora senza dubbio che la collaborazione è stata, in gran parte, una questione di sinistra e di estrema sinistra, comunisti compresi). Dispot propone come rimedio al “pericolo nazional-comunista” che denuncia, un'Europa unita e quello che chiama un “socialismo europeo”. Ciò che è veramente notevole è che in questi articoli che fingono di essere ben studiati, i giornalisti ignorano semplicemente che nei movimenti nazional-comunisti più contemporanei, da Lisbona a Mosca, questa costruzione europea è difesa sulla linea della Giovane Europa e in un modo molto più profondo rispetto alle timide proposte che la socialdemocrazia europea presenta come panacea universale. L'autore di questo articolo non ha certamente mai sentito parlare di Jean Thiriart o della scuola euro-sovietica.

Il tono generale di questa campagna di stampa si rivela quando, a più riprese, si usa come riferimento “I linguaggi totalitari” di Jean Pierre Faye (75). Questo lavoro, pubblicato nel 1972, è stato compilato sulla base di una documentazione incompleta e spesso di parte; è un lavoro pieno di errori che il professor Louis Dupeux ha già denunciato nella sua tesi. Ciò che è sintomatico è che quest'ultima opera di consultazione, l'unica esistente fino ad oggi, non viene citata una sola volta nei numerosi articoli apparsi sulla stampa nell'estate del 1993.

Anche il fatto che questi articoli non citino i nomi dei nazional-comunisti di Amburgo del 1918, Wolffheim e Laufenberg, è molto rivelatrice. Questi uomini erano veramente autentici comunisti che furono all'origine del primo movimento nazional-comunista in Germania e in Europa. È anche vero che la traiettoria di Laufenberg all'interno della corrente dottrinale comunista è importante ed estremamente scomoda per i conformisti del "pret a penser", come sottolinea Louis Dupeux: "possiamo vedere come la tesi adottata da Laufenberg sulla 'schiacciante maggioranza del popolo’ sarà adottato - due volte - dai comunisti ortodossi" (76). Una tesi che sarebbe anche oggi la base del lavoro dei giuristi costituzionali sovietici! (77).

L'altra caratteristica principale di questo dibattito intellettuale è il suo eccessivo positivismo. Numerosi sono infatti gli articoli dedicati a figure dell'atmosfera intellettuale parigina (i pochi autori russi citati servono solo a contribuire al dibattito microcosmico parigino). La dimensione europea del nazional-bolscevismo contemporaneo, la sua vera dimensione politica al di là di ogni cenacolo di intellettuali parigini, è completamente sconosciuta a questa campagna di stampa.



L'alternativa Nazional Bolscevica


Il fallimento del sistema politico dominante ci sorprende ogni giorno di più. L'economia mondiale capitalista, sotto l'egemonia degli Stati Uniti, ha proclamato la sua vittoria sul sistema comunista; ma allo stesso tempo è arrivata allo stadio finale della sua decadenza. Una scala globale di questa economia non è possibile. L'impossibilità di aprire nuovi mercati porta inevitabilmente alla formazione di giganti economici e ad una eventuale guerra tra di loro.

Le dialettiche nazional-bolsceviche sono, infatti, una risposta all'attuale situazione di degrado sociale, economico e politico, al fallimento del sistema educativo, all'incapacità di assicurare la piena occupazione, alla crescita della povertà e della disoccupazione, al ritorno della miseria sociale che ogni giorno indica il fallimento del sistema capitalista e la partitocrazia degli pseudo-democratici che lo incarnano. L'alternativa nazional-bolscevica è la risposta al fallimento del modello americano, alla sua pretesa di dominare l'economia mondiale e al suo desiderio di svolgere il ruolo di poliziotto mondiale.



Contro il fallimento dell'opposizione al sistema. La dialettica Nazional Bolscevica


L'opposizione al sistema, in tutta Europa, è presente dalla fine della seconda guerra mondiale. Le sue formazioni sono spesso locali, di tipo regionale “poujadista”, cioè senza possedere alcuna volontà rivoluzionaria, coesione o pianificazione. Questo è ciò che ha salvato il Sistema fino ad oggi. L'opposizione al Sistema comprende un ampio arco socio-politico: l'opposizione nazionale (estrema destra), l'opposizione comunista (estrema sinistra), l'opposizione neo-poujadista delle classi medie e le diverse correnti di opposizione ambientalista,queste non rappresentano una vera minaccia per il sistema. Tali forze di opposizione l'una di fronte all'altra, e non coordinate tra di loro, vengono riassorbite dal Sistema movimento dopo movimento, protesta dopo protesta.

La dialettica nazional-bolscevica vuole rispondere al fallimento dell'opposizione isolata, fallimento che rivela chiaramente che all'opposizione manca più un cervello che un cuore e, come sottolineato da Lenin, Gramsci e Thiriart, un partito rivoluzionario. Senza un partito rivoluzionario, non c'è rivoluzione e senza un'unione rivoluzionaria, politica, organizzativa e teorica, non c'è opposizione unita. La questione chiave su questa unione di opposizione contro il Sistema e la sua struttura è al centro del dibattito indotto dal nazional-bolscevismo, com'era all'inizio degli anni Venti e com'è alla fine del XX secolo.



Alleanza Rossobruna o Fronte Unito Rosso Bruno Verde?


La stampa del sistema, intenzionata a discriminare l'alternativa nazional-bolscevica, ha elaborato grandi striscioni su una sediziosa alleanza rossobruna, rimanendo lontana da ogni realtà politica.

È evidente a qualsiasi osservatore lucido, o semplicemente, onesto che il punto centrale del nazional-bolscevismo non è affatto un'alleanza tra sediziosi neo-nazisti e comunisti arcaici, ma si tratta di un'unità tra l'opposizione alle forze dinamiche del Sistema: i neo-nazisti bruni, o nostalgici, non hanno posto in questa unione e non sono altro che semplici marionette incoraggiate dai servizi segreti di Washington e Tel Aviv per seminare odio e divisione all'interno dell'Europa.

Oggi lo scopo della strategia nazional-bolscevica è organizzare una rivolta, incanalare l'insoddisfazione. È certo che quando i movimenti pseudo-oppositori situati nell'estrema destra (come il Fronte nazionale francese o il MSI - oggi Alleanza Nazionale -) o gli ambientalisti, danno prova definitiva della loro incapacità di organizzare questa rivolta e di diventare un'alternativa al Sistema, la strada sarà finalmente aperta per un movimento veramente rivoluzionario. Questa sarà l'ora del bolscevismo nazionale. In questo senso, l'esempio della rivoluzione russa del 1917 è pieno di significato storico. Dopo i liberali di febbraio, dopo Kerensky, sono arrivati ​​i bolscevichi e la Rivoluzione d'Ottobre.


OGGI I MILITANTI NAZIONAL BOLSCEVICHI PREPARANO IL LORO OTTOBRE IN TUTTA EUROPA


Luc Michel -  Vai alla prima parte




Note

(42) Renzo DE FELICE, "CLES POUR COMPRENDRE LE FASCISME", Editions SEGHERS, Bruxelles,

(43) Joseph GOEBBELS, in "NATIONALSOZIALISTISCHE BRIEFE", 15 octobre 1925.

(44) Ibid.

(45) Louis DUPEUX, opus cit., Chapitre XVII, ""Entre Bismarck et Karl Marx, le Vorkämpfer", p. 433.

(46) Ibid.

(47) "ACTES DU IIeme CONGRES DU PCN (Juin 1986)", Charleroi, 1ère édition, 1986

(48) Armin MOHLER, "DIE KONSERVATIVE REVOLUTION IN DEUTSCHLAND 1918-1932", Grundriss ihrer Weltanschauungen, Stuttgard, 1950.

(49) Louis DUPEUX, opus cit., Chapitre I, "La "révolution conservatrice", arrière plan idéologique du "national-bolchevisme", (50) Arthur MOELLER VAN DEN BRUCK est en particulier l'auteur d'un livre à grand retentissement sous la République de Weimar et intitulé "LE TROISIEME REICH", un des ouvrages de référence de la "Révolution conservatrice. HITLER après 1933 devait s'emparer de l'expression et lui donner un tout autre contenu.

(51) Sur les théoriciens de la "Révolution conservatrice" (et aussi du National-socialisme), consulter :

Edmond VERMEIL, "DOCTRINAIRES DE LA REVOLUTION ALLEMANDE", N.E.L., Paris,

(52) sur le combat des nationaux-communistes contemporains contre l'extrême-droite, consulter :

"Droit de réponse du PCN", in "LE SOIR", Bruxelles, mai, 1993.

(53) Cité in Louis DUPEUX, opus cit.

(54) Otto STRASSER, "LE FRONT NOIR CONTRE HITLER", Ed. MARABOUT, Verviers, 1972.

(55) STRASSER était notamment l'auteur d'un livre intitulé "EUROPAISCHE FEDERATION. Die Schweiz als Vorbild Europas ", publié en 1936 (Reso-Verlag, Zürich), où il prônait le modèle suisse comme référence pour l'unification européenne.

(56) "NATION EUROPE", Hebdomadaire, Bruxelles, 4 mars 1962,

et "LA NATION EUROPEENNE", Bruxelles,mensuel, n° 13, 15 janvier 1967.

(57) Louis DUPEUX, opus cit., Chapitre XX, "Otto Strasser était-il "national-bolcheviste" ?", p. 493

(58) Louis DUPEUX, opus cit., Chapitre I

(59) Otto-Ernst SCHUDDEKOPF, "LINKE LEUTE VON RECHTS. DIE NATIONAL-REVOLUTIONARE MINDERHEITEN UND DER KOMMUNISMUS IN DER WEIMARER REPUBLIK", Stuttgard, 1960.

(60) José ORTEGA Y GASSET, "LA REVOLTE DES MASSES", Ed. GALLIMARD, Paris.

(61) E. MALYNSKI, "L'EMPREINTE D'ISRAEL", Paris, 1926,ps.38 à 41.

(62) Ibid.

(63) Sur SOREL, consulter : Fernand ROSSIGNOL, "POUR CONNAITRE LA PENSEE DE G. SOREL", Bordas, Paris, 1948.

(64) cfr Zev STERNHELL, "LA DROITE REVOLUTIONNAIRE. 1885-1914", Seuil, Paris, 1973.

(65) Cfr. Michael FREUND, "GEORGES SOREL. DER REVOLUTIONARE KONSERVATISMUS", Ed. Vittorio Klostermann, Frankfurt/Main, 1972.

(66) "ELEMENTY",n° 1, Moscou, 1992.

(67) François BONNET, "Les compagnons de route de la galaxie nationale-bolchevique" et entretien avec Didier DAENINCKX, "De fortes convergences idéologiques", in "LIBERATION", 29 juin 1993, opus cit.

(68) "LE MONDE" a publié une série d'articles et d'interventions sur le sujet à partir du 26 juin 1993.

(69) Elie LEO et René MONZAT, "Quand l'extrême gauche flirte avec l'extrême droite. L'affaire du national-communisme à la française" et M. N. "Rouges et bruns : une vieille histoire d'amour", in "GLOBE", hebdomadaire, Paris, n° 21, 30 juin 1993

et Dossier spécial "La resucée du "national-communisme. des apprentis Hitler ?" in "GLOBE", n° 22, 7 juillet 1993.

(70) Karl LASKE et René MONZAT, "Au-dessus d'un nid de cocos mutants", in "L'EVENEMENT DU JEUDI", hedomadaire, Paris, N°453, 8 juillet 1993.

L'article est présenté avec le "chapeau" suivant : "Dans les comités de rédaction rouge-brun et les colloques de "recomposition politique", le "nationalisme de gauche" cherche timidement son chemin. La nouvelle droite lui tient la main".

(71) Pol MATHIL, opus Cit. in "LE SOIR", 3/4 juillet 1993.

(72) "National-bolchevisme : un spectre allemand", in "Dossier : les néo-nazis aujourd'hui", "LES DOSSIERS DE L'HISTOIRE", bimestriel, n° 87, 1993.

(73) Jean-Edern HALLIER, polémiste et écrivain de talent, mène un courageux combat contre la maffia "socialiste" des TAPIE, MITTERAND, LANG et autres FABIUS. Il lui vaut un scandaleux procès où l'affairiste TAPIE tente de le ruiner, avec la complicité d'une magistrature couchée, notamment pour avoir publié le casier judiciaire réel mais prescrit par amnistie de TAPIE. La revue de HALLIER, "L'IDIOT INTERNATIONAL", havre de liberté intellectuelle et de non-conformisme, est également vigoureusement engagée contre l'impérialisme américain et son "Nouvel Ordre Mondial".

(74) Laurent DISPOT, "Lettre ouverte à Monsieur Marchais communiste national Messerschmitt", in "GLOBE", n° 7, opus cit.

(75) J.P. FAYE, "LANGAGES TOTALITAIRES", Critique de la raison et de l'économie narratives, Paris, 1972.

(76) Louis DUPEUX, opus cit.

(77) sur ce sujet, cfr.

José CUADRADO COSTA, "Réflexions sur les oeuvres de Clausewitz et Carl Schmitt. Actualité de Clausewitz", in "CONSCIENCE EUROPEENNE", Charleroi, n°16/17, Mai-Juin 1987.

Nessun commento:

Posta un commento